PRESTO UN CENTRO CULTURALE POLIVALENTE

PRESTO UN CENTRO CULTURALE POLIVALENTE INVESTIMENTO DI 300MILA EURO, NEL CENTRO STORICO IL CASTELLO, MONUMENTO SIMBOLO DELLA CITTÀ Mandatoriccio (Cs), Lunedì 27 Settembre – La promozione della cultura e delle infrastrutture necessarie per la sua più efficace e diffusa fruizione resta uno degli obiettivi prioritari dell’Esecutivo guidato da Angelo DONNICI. In questa cornice, Mandatoriccio potrà vantare in futuro, di un centro culturale polivalente e di aggregazione sociale ubicato nel cuore del suo centro storico. Con un metodo ed una scelta che è di contenuto: recuperare e ri-funzionalizzare uno dei suoi monumenti storici ed architettonici più importanti e simbolici: il Castello, edificato nella seconda metà del ‘400, ed ospitante l’attuale Municipio. L’investimento complessivo, attraverso un finanziamento della Regione Calabria del Marzo 2010, ammonta a 300 mila Euro. Il recupero, la conservazione, il potenziamento e il riutilizzo della struttura, simbolo per l’intera Comunità ed oggi casa comunale, prevede la realizzazione di una sala eventi versatile e multifunzionale, da utilizzare sia come sala congressi, sia per le cerimonie e le occasioni ufficiali, di una terrazza panoramica attrezzata anche con parti mobili ombreggianti, di un Museo e di una sala mostra. Tra i progetti, è allo studio anche la possibilità di realizzare un punto internet, un’area lettura, e uno sportello unico rivolto ai giovani e al settore turistico. Il tutto, ponendo particolare attenzione al benessere ambientale, alla funzionalità dell’edificio e alla sua sicurezza, ridistribuendo gli spazi, riadattando le forme e valorizzando le fonti di aria, luce e calore. L’antico Castello, è stato oggetto di un parziale intervento agli inizi degli anni ’90. Tale dato, positivo per alcuni aspetti, come ad esempio per la presenza di rete idrica fognaria, di allacciamento elettrico e di impianto di riscaldamento, tutti elementi da recuperare in vista di questa nuova ristrutturazione, per le modalità attuate, ne ha comunque stravolto le caratteristiche originarie. I principali interventi di recupero architettonico da attuare, prevedono l’abbattimento delle pareti divisorie, la spicconatura e il rifacimento dell’intonaco, il ripristino della pavimentazione esistente, l’adeguamento delle scale, nuove tramezzature, il rifacimento dei servizi igienici, e nuovo impianto elettrico, termico e antincendio a norma. Il tutto utilizzando ove possibile, materiali di prossimità scelti per grado di nocività generale tendente allo zero, nel rispetto dei criteri dello standard europeo H.Q.E. (Alta Qualità Ambientale).

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta