Pratiche di Uso civico. Per il Gruppo PD qualcosa “par si muove” 

Dopo la nostra Interrogazione prendiamo atto che sugli USI CIVICI, AD UN ANNO DI TEMPO, NESSUNA RISPOSTA e  solo FUMO NEGLI OCCHI!

 

GRAZIE alla Sollecitazione del Gruppo PD, con una Interrogazione Consiliare protocollata il 12/05/2017,  qualcosa “par si muove”  sulle Pratiche di Uso civico.

A dire il vero, purtroppo per i Cittadini, è ben poco considerato che si tratta solo di rettifiche, per errori formali, di alcune pratiche già deliberate.

Prendiamo atto che la Giunta, a distanza di un anno e solo perché Noi abbiamo suonato la campanella,  si risveglia dal Letargo Totale ma solo per fare cose che poteva fare già un anno fa, senza però dar seguito a nuove pratiche e riconoscendo semplicemente la legittimità di quelle già fatte in passato.

In sostanza ABBIAMO PERSO UN ALTRO ANNO DI TEMPO!!

Resteremo vigili affinchè TUTTI i cariatesi che hanno presentato regolare documentazione vedano, finalmente, riconosciuti i propri diritti e che tali pratiche non siano oggetto di scelta discrezionale della Giunta.

Purtroppo come consiglieri comunali DENUNCIAMO IL CONTINUO OSTRUZIONISMO da parte della Giunta Comunale, in quanto prima – per ogni nostra richiesta – tentano di aggiustare il tiro e poi (FORSE) rispondono, in barba  allo Statuto Comunale ed al Regolamento.

Infatti, l’art. Art. 64 dello Statuto Comunale recita:  “La risposta all’interrogazione viene fornita entro il termine MASSIMO di TRENTA GIORNI dal Sindaco, dal Segretario o dal Responsabile del Servizio interessato”.

Ebbene, ad oggi (16/06/17) non abbiamo ricevuto ancora NESSUNA RISPOSTA da parte del Sindaco o degli Assessori interessati, ma non si vantavano di essere rispettosi della legge??

Stessa sorte per le altre interrogazioni,  che abbiamo protocollato da oltre 30 giorni,  su MERCATO ITTICO e QUESTIONE ACQUA,  interrogazioni importanti, che non hanno ricevuto alcuna risposta e che passano in secondo piano,  soltanto perché la Giunta è troppo impegnata a risolvere le proprie faide interne, dimenticando l’esigenze prioritarie dei Cariatesi.

Come Consiglieri Comunali, sollecitiamo S.E. il Prefetto, affinchè  ponga fine a questo CONTINUO atteggiamento OSTRUZIONISTICO, NON RISPETTOSO della minoranza  e, soprattutto, delle Regole Democratiche.

 

Gruppo Consiliare PD  

Caterina Agazio –  Maria Crescente – Giampasquale TRENTO

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta