PIETRAPAOLA APPROVA IL PIANO STRUTTURALE PRIMO COMUNE CALABRESE AD ADOTTARE PROVVEDIMENTO VENTURA: CONCLUSO CON SODDISFAZIONE UN LAVORO DURATO OTTO ANNI

PIETRAPAOLA APPROVA IL PIANO STRUTTURALE PRIMO COMUNE CALABRESE AD ADOTTARE PROVVEDIMENTO VENTURA: CONCLUSO CON SODDISFAZIONE UN LAVORO DURATO OTTO ANNI PIETRAPAOLA (CS) – Sabato, 18 giugno 2011 – Piano strutturale comunale, Pietrapaola è il primo comune della provincia di Cosenza e della Calabria ad aver adottato l’importante provvedimento urbanistico nel rispetto delle nuove linee guida regionali varate nel 2006. La misura approvata dalla maggioranza del Consiglio comunale servirà a dare una svolta allo stallo economico ed occupazionale, ultra decennale, del centro jonico. Esprime soddisfazione il Sindaco Giandomenico VENTURA, che ringrazia lo staff tecnico comunale che ha collaborato alla stesura della pianificazione progettuale, dopo l’approvazione del nuovo PSC. – VENTURA coglie anche l’occasione per sottolineare l’importanza del dialogo, consolidatosi in questa occasione, tra il Comune di Pietrapaola, Provincia di Cosenza e Regione Calabria, attraverso la preziosa collaborazione dimostrata dai rispettivi rappresentanti di quelle amministrazioni nel territorio. DICHIARAZIONI DEL SINDACO GIANDOMENICO VENTURA Dopo 8 anni di lavoro e dopo decine di incontri, sopralluoghi, discussioni e osservazioni con i soggetti interessati e con il dipartimento ambiente regionale, attraverso la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) siamo riusciti ad essere il primo comune ad approvare il Piano Strutturale Comunale (PSC). L’esserci incamminati in questo percorso, da soli e non in forma associata con il territorio, inizialmente avrebbe potuto penalizzarci. Questa scelta, tuttavia, dettata solo da una volontà di programma, avviata prima degli altri comuni, oggi è risultata la più logica. L’augurio è che questo strumento, da noi approvato, possa essere da traino per gli altri comuni limitrofi per dare quella giusta spinta alla crescita socio-economica, occupazionale e turistica, dell’intero territorio. Il PSC del Comune di Pietrapaola – continua VENTURA – nasce e risponde solo ed esclusivamente ad interessi generali. Abbiamo tenuto conto delle esigenze culturali e sociali, salvaguardando l’assetto urbanistico e ambientale. Abbiamo cercato di accogliere le osservazioni (circa 50) di tutti i cittadini interessati accogliendo, anzi tutto, le richieste degli operatori turistici, commerciali ed artigianali. Si tratta sicuramente di uno strumento migliorabile e perfezionabile ma non da bocciare – così come ha voluto far intendere il gruppo consiliare di minoranza, oppostosi all’approvazione di un così importante strumento. Non abbiamo ceduto né a pressioni, né a ricatti o ad accordi sotto banco – così come paventato dal capogruppo di opposizione Luciano PUGLIESE il quale, nel 1993, nell’allora ruolo di Sindaco, prima consigliò l’acquisto e successivamente promise (non si capisce a quale prezzo!) l’autorizzazione che egli negò subito dopo, a costruire un villaggio turistico, nella stessa zona in cui oggi, con l’inserimento solo di un terzo della superficie nella zona edificabile, lo porta a gridare allo scandalo. La mia non presenza in Consiglio comunale, anche durante l’approvazione del PSC, è la prova, come ho dichiarato anche in occasioni pubbliche, del mio rispetto di fronte alle regole civili ed alle opportunità politiche di ognuno, al fine di garantire la massima trasparenza e imparzialità dell’azione amministrativa. Cosa più grave, invece, è rimanere in aula per discutere dicendo falsità, pur avendo interessi diretti. Il PSC – conclude VENTURA – è solo una tappa. Il nostro impegno continua giorno dopo giorno, non solo per garantire i servizi essenziali ma anche per programmare la proposta socio-culturale e turistica estiva, che ancora una volta sarà ricca di eventi all’insegna dell’accoglienza e dell’amicizia: da sempre i valori principali della nostra comunità.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta