PIANO SVILUPPO TURSTICO, CARIATI INCLUSA

PIANO SVILUPPO TURSTICO, CARIATI INCLUSA IMPORTANTE RISULTATO PER TUTTO IL BASSO JONIO L’API LOCALE RINGRAZIA IL CONSIGLIERE MIRABELLI CARIATI(CS), Mercoledì 12 Ottobre 2011 – Anche CARIATI, insieme ai comuni di CROSIA, PIETRAPAOLA, CALOPEZZATI, MANDATORICCIO e SCALA COELI, è stata inserita nel Piano di sviluppo turistico sostenibile per il triennio 2011/2013, licenziato ieri (martedì 11) dalla seconda commissione bilancio, programmazione economica e sviluppo del Consiglio Regionale, presieduta dal Franco MORELLI (PDL). Un risultato importante per il basso ionio cosentino, inizialmente escluso dalle previsioni del provvedimento amministrativo d’iniziativa della Giunta Regionale, e che è stato possibile grazie all’impegno, alla sensibilità ed alla capacità di mediazione dimostrata, anche in questa occasione, dall’API e dal suo consigliere regionale Rosario MIRABELLI. Ad esprimere soddisfazione per un tassello che viene oggettivamente incontro alle attese ed alle strategie di sviluppo turistico sostenibile di CARIATI e del suo hinterland, è la sezione API di CARIATI, rappresentata nell’Esecutivo guidato da Filippo SERO, dal vicesindaco Leonardo MONTESANTO. Si tratta di un risultato degno di nota – fa sapere l’API – e che sposa in pieno gli sforzi e gli investimenti, in servizi, infrastrutture ma anche in politiche culturali e per i turismi che, da anni, vengono ormai messe in atto in questo territorio, e con particolare consapevolezza ed efficacia a CARIATI, tra l’altro destinataria, per tre anni consecutivi, del prestigioso riconoscimento della BANDIERA BLU. Grazie all’impegno del nostro consigliere regionale MIRABELLI, al quale ribadiamo pubblicamente la nostra gratitudine – continua l’API cariatese – numerosi piccoli e medi comuni del basso e dell’alto Ionio cosentino e del basso Tirreno sono rientrati nei programmi di investimento e, più in generale, in un quadro di riferimento unitario che omogeneizza gli interventi, orientando anche gli investimenti privati e creando quella che è stata definita una rete delle opportunità per tutti i territori interessati, innalzandone l’appetibilità turistica, soprattutto rispetto agli operatori. In tema di turismo sostenibile – conclude la nota API – a CARIATI si ragiona ormai da tempo in termini di turismi, al plurale, nella consapevolezza che sono tanti e diversi i target da ricercare ed ai quali offrire risposte differenziate e destagionalizzate, in un’ottica di ricettività diffusa, basata sulla valorizzazione, insieme al fattore balneare, del centro storico e del patrimonio identitario nel suo complesso: enogastronomico, culturale, architettonico, naturalistico, archeologico, etc. CARIATI aveva ed ha le carte in regola per far parte integrante di quella programmazione regionale. L’API, attraverso il contributo di tanti, dello stesso Esecutivo cittadino e soprattutto dell’On. MIRABELLI, ha saputo difendere, promuovere e valorizzare questa fotografia della realtà.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta