NUOVO ASILO NIDO PER 72 BAMBINI

NUOVO ASILO NIDO PER 72 BAMBINI AMMESSI AL FINANZIAMENTO REGIONALE SI CHIAMERÀ “IL CUCCIOLO”. OLTRE 300MQ MANDATORICCIO (CS), Martedì 20 Luglio 2010 – Mandatoriccio avrà un nuovo asilo nido per 72 bambini. Il Comune della Sila Greca risulta, infatti, tra i 54 beneficiari del finanziamento complessivo di 15 Milioni di Euro disposto dall’Assessorato Regionale alle Politiche Sociali, così come reso noto nei giorni scorsi dallo stesso Assessore STILLITANI. Il progetto di Mandatoriccio prevede la realizzazione di un asilo nido di 72 unità. Aderendo al bando regionale, l’Esecutivo guidato da Angelo DONNICI nel 2009 ha richiesto circa 360 MILA EURO. Ed esprime soddisfazione il Primo Cittadino, condividendo la filosofia sottesa a questa ed alle prossime iniziative in merito già annunciate dall’Assessorato Regionale al ramo: sostenere la nascita degli asili nido, punti di riferimento per tutto il sistema familiare, soprattutto in quei piccoli comuni dove spesso si incontrano difficoltà tecniche per il funzionamento degli stessi da parte degli enti locali. La finalità perseguita è quella di consentire ai genitori di conciliare la vita familiare e le responsabilità connesse, con l’espletamento dell’attività lavorativa, senza disagi i figli. Si mira a sostenere, insomma, la centralità della famiglia in tutti i suoi aspetti. – In questa cornice, l’Amministrazione Comunale ha previsto 12 unità per la fascia dei “lattanti”, da zero a 12 mesi. Dodici unità per i “divezzi”, bambini dai 13 ai 36 mesi. Altre 12 di uso comune per lattanti e divezzi e 36 unità per servizi generali e complementari. – Quasi 334 mq la superficie da suddividere in base alle esigenze delle diverse tipologie di unità. 54 mq vengono riservati alla fascia dei lattanti. 189,60 mq per i divezzi. 21,60 mq per gli spazi comuni dei lattanti e dei bambini dai 13 ai 36 mesi. Infine, 68,40 mq sono gli spazi occorrenti per i servizi generali e complementari. Il nuovo asilo nido, battezzato “IL CUCCIOLO”, verrà ospitato da un edificio pubblico già esistente e di proprietà del Comune, dopo la sua completa ristrutturazione.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta