L’ALTERNATIVA SUL PROBLEMA ACQUA: POCA ATTENZIONE DAGLI AMMINISTRATORI

l'ACQUA bene primario ed indispensabile per tutti noi.

Da più di tre anni il problema ACQUA è argomento di discussioni, manifestazioni, denunce, punti all’ordine del giorno in Consiglio Comunale, ordinanze di divieto di utilizzo, ordinanze di ripristino dell’utilizzo, botta e risposta tra analisi dell’Arpacal e analisi commissionate dal Comune.

ACQUA marrone come il cioccolato e ACQUA pura come la migliore sorgente, ACQUA che c’è e ACQUA che manca, ACQUA che i cittadini pagano come potabile e ACQUA che gli stessi sono costretti a comprare in bottiglie di plastica che contribuiscono solo ad aumentare le spese e inquinare l’ambiente. Insomma tutto e il contrario di tutto è stato detto su questo argomento di vitale importanza, ma nella realtà dei fatti sta che nulla è stato fatto. Purtroppo le innumerevoli analisi che sono effettuate periodicamente, fanno emergere un’alternanza di valori molto preoccupante: valori inaccettabili di Escherichia Coli e altri Coliformi fecali e valori elevati oltre misura di Cloro, utilizzato ad alte concentrazioni probabilmente per distruggere la carica batterica eccessiva.

Il fatto è che sia gli uni che l’altro sono molto dannosi per la nostra salute. I Coliformi, in particolare l’Escherichia Coli, sono batteri che provengono dalle feci degli animali a sangue caldo e nell’ACQUA potabile dovrebbero essere pari a zero. Se invece sono presenti causano numerose infezioni, sia a livello dell’apparato genito-urinario, che della pelle e nel peggiore dei casi possono causare anche polmonite. Il Cloro a sua volta, usato come “banale” disinfettante, se presente nell’ACQUA ad alte concentrazioni (ACQUA spacciata per potabile), provoca sulla cute e sugli annessi cutanei irritazioni, secchezza e dermatiti, ma, ancor peggio, se ingerito quotidianamente a concentrazioni elevate è dannoso per l’apparato digerente, respiratorio, circolatorio e per il sistema nervoso.

Dopo questa disamina prettamente scientifica necessaria per far capire a tutti quali e quanti danni la non potabilità dell’acqua può causare alla nostra salute, è importante ricordare che in tantissimi Consigli Comunali il problema ACQUA è stato portato all’attenzione del Sindaco Sero e di tutta la sua maggioranza da parte dei consiglieri di opposizione e non si sono ottenute ne’ le spiegazioni necessarie ad individuare l’origine e la causa del problema stesso, né sono stati individuati i provvedimenti atti a risanare l’intera rete idrica comunale, ridotta ormai ad un colabrodo.

Basti pensare che il Comune di Cariati non è regolarmente provvisto della mappatura della rete idrica, nonostante più volte richiesta. Il Sindaco pressato a riguardo in un Consiglio Comunale ebbe a dire che era a conoscenza della situazione disastrosa della rete idrica comunale, ma dichiarò l’impossibilità ad effettuare qualsiasi intervento di risanamento in quanto troppo costoso per il Comune in un momento così critico per l’economia dell’Ente. Forse però il nostro Sindaco dimentica che siede sulla poltrona di primo cittadino da quasi dieci anni e che, forse, in tutto questo tempo e con il vantaggio indiscutibile di un’amministrazione che opera in continuità e i cui componenti appartengono quasi tutti ad un unico partito (il PSI), avrebbe potuto dedicare più attenzione e più sforzi per poter risolvere questo problema, avrebbe potuto tutelare un po’ di più, per come gli compete, la salute dei suoi cittadini, avrebbe dovuto garantire di più e meglio l’erogazione dell’ACQUA quale bene primario ed indispensabile per tutti noi.

Filomena_Greco_21-10-2015Ma ormai questa è ACQUA PASSATA!!!!! Il futuro che vogliamo è un’altra cosa, l’Alternativa c’è! Il Sindaco Filomena Greco con la giunta che si comporrà intorno a lei garantisce che si è già pronti a considerare questo come uno dei principali problemi da risolvere, si individueranno tutti i finanziamenti possibili e necessari affinché la rete idrica venga al più presto mappata e risanata, in modo da garantire la salubrità dell’ACQUA e la salute dei cittadini nonché la continuità nell’erogazione di questo bene primario è prezioso.

L’ALTERNATIVA

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta