L’affetto degli italiani verso Marco Pannella

Chi non conosce uno dei fondatori nel 1955 del Partito Radicale?

Marco Pannella

E’ una delle pagine italiane più belle e ricche di un gran cuore, quella che si è aperta, da qualche settimana, a Roma sull’intramontabile Marco Pannella.

Chi non conosce uno dei fondatori nel 1955 del Partito Radicale? Credo molto pochi, se non nessuno. Può sembrare strano, ma non c’è persona del più remoto Comune della nostra Penisola che non ricordi Marco Pannella per quello che ha rappresentato nel panorama politico del Paese negli ultimi sessant’anni.

Una delle figure più longeve della politica italiana. E’ stato il protagonista di tantissime battaglie referendarie dall’aborto all’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.

In questi mesi, viste le sue non buone condizioni di salute, sono tantissime le persone comuni o rappresentanti del mondo della cultura, imprenditoria, spettacolo e della politica a fargli visita nella sua casa di Roma.

Un pellegrinaggio sentito da parte dei tanti che hanno un forte sentimento d’affetto nei confronti di Marco Pannella. Lo stesso non rigetta alcuna visita. Al contrario, se è già impegnato invita a passare più tardi.

Una testimonianza forte di simpatia, affetto e rispetto che Pannella ha costruito nei confronti di una gran fetta d’italiani, qualsiasi sia il loro colore politico.

Si può dire che i suoi ottantasei anni non li dimostra. Continua ad avere una mente lucida e pur ormai confinato agli “arresti domiciliari” non c’è giorno che non ha piacere di confrontarsi e di esprimere le sue lucide riflessioni con chiunque va a trovarlo.

La fotografia di Marco Pannella circondato da tanto amore e commozione è un’immagine positiva dell’Italia. Non è un luogo comune, ma una vicenda che inorgoglisce. Forse tali testimonianze andrebbero manifestate molto più spesso e non solo in determinati momenti. Almeno così la penso!

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta