La  Croce di Cutro

La croce è stata realizzata da Maurizio Giglio

Don Francesco, parroco di Le Castella (Isola Capo Rizzuto), vicino alla zona del tragico sbarco a mare, ha pensato di costruire una croce con il legno del barcone del naufragio. 

La croce realizzata ha un solo braccio, perché uno è inchiodato, mentre l’altro braccio di Cristo  bisogna immaginarlo libero,  perché lo tende verso di noi, in modo tale da salvarci. 

Venerdì è stata benedetta, nei prossimi giorni sarà portata per la Via Crucis a Steccato di Cutro, poi rimarrà nella chiesa del paese. 

È giusto ricordare che in questa tragedia tanti innocenti sono morti per colpe non proprie.

La croce è stata realizzata da Maurizio Giglio, artista locale che usa oggetti che il mare porta a riva.

Print Friendly, PDF & Email

Hits: 104

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta