La colpa non è sempre degli amministratori. Spesso all’’incuria dei luoghi, contribuiamo noi stessi.

Molte volte le immagini parlano da sole. La foto che abbiamo scattato in zona Tramonti non avrebbe motivo di essere commentata. A dirla tutta, invece, non abbiamo resistito. Il mare è di ognuno di noi, altrettanto le bellezze paesaggistiche di Cariati. Serve rispetto unanime per il patrimonio comune. Spesso all’’incuria dei luoghi, contribuiamo noi stessi con comportamenti lesivi e incivili. Non possiamo trattenere tutta la nostra rabbia nei confronti dei molti che continuano a dire che “tanto non cambia mai niente” e che, forse, sono i diretti protagonisti in negativo delle inefficienze locali. È ormai evidente che in alcuni punti specifici del territorio di Cariati, domina l’abbandono indiscriminato di rifiuti indifferenziati. E’ diventata un’abitudine consolidata di alcuni irresponsabili, che continuano a perseguirla. Non sappiamo cosa si possa fare per scoraggiare una volta per tutte tali comportamenti incivili. Nel frattempo, si spera almeno, che queste persone acquisiscano consapevolezza del grave danno che arrecano al territorio e alle persone che lo abitano e frequentano. Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta