IL SINDACO TRACCIA UN BILANCIO DELL’ANNO APPENA TRASCORSO

CARIATI – “Il 2009 è stato l’anno della svolta, quello in cui abbiamo iniziato a raccogliere risultati straordinari costruiti giorno per giorno, con fatica e passione, da tutta la maggioranza che sostiene l’esecutivo”. Esordisce così il sindaco Filippo Giovanni Sero nel tracciare il bilancio dell’anno che volge al termine, rammentando le opere pubbliche compiute e quelle in via di completamento. Ad iniziare dal Porto, quello che una volta si chiamava la “penelope del Basso Jonio”, finalmente funzionale dopo decenni di incertezze, tentennamenti, indifferenza e malaffare. “L’importante opera, a servizio adesso di un intero e vasto bacino – commenta Sero – è stata completata definitivamente per la parte diportistica. A partire dal giorno successivo all’inaugurazione, l’impegno della giunta è stato rivolto sia alla definizione della gestione della struttura, sia alla ricerca di ulteriori finanziamenti per la messa in sicurezza del molo di sopraflutto. Nei primi mesi del 2010 reso noto l’esito del bando al quale l’amministrazione ha già partecipato, ma abbiamo notizie di ulteriori bandi utili in uscita il che non può che farci ben sperare nella programmata prosecuzione dell’azione di complemento del Porto nel corso dell’anno nuovo. A breve vi sarà inoltre una gara europea per la gestione di questa struttura territoriale strategica per lo sviluppo commerciale e turistico di Cariati e della zona” I successi non si esauriscono, perché è stato recuperato, e restituito alla collettività, il Cinema Teatro, adesso perfettamente fruibile con proiezioni cinematografica in prima visione, una serie di eventi culturali e musicali e, tra breve, con l’apertura ufficiale della stagione teatrale vera e propria. “Diffondere cultura e legalità – spiega il primo cittadino – è un obiettivo primario, per quanto ambizioso, del nostro operato. Siamo convinti che solo col coinvolgimento dell’arte e della cultura in genere si possano combattere i mali atavici della nostra terra, a cominciare dalla criminalità organizzata”. Altra importante opera pubblica del 2009, in fase di completamento, è la realizzazione dei pennelli a mare a difesa della costa, con ripascimento di parte della spiaggia, soprattutto nella zona San Paolo. “Anche in questo caso – precisa Sero – l’esecutivo è impegnato ad intercettare nuovi finanziamenti per un’opera necessaria per la sicurezza di cittadini e turisti e che deve essere ampliata”. Ed ancora, si è restaurato il Torrione degli Spinelli e reso accessibile, una delle otto torri medievali che cingono il centro storico: “I lavori dovranno essere consegnati prossimamente e confidiamo – assicura il sindaco – di poter presto inaugurare quest’altra opera importante per la complessiva azione di riqualificazione del centro storico e di management della nostra identità”. Sempre nel borgo antico sono avviati i lavori di recupero, consolidamento e restauro del Palazzo Chiriaci, da decenni in stato di abbandono e, di recente, anche a rischio crollo. “Anche in questo caso crediamo di consegnarlo presto alla comunità ed alla attese socio-culturali connesse ad una sua definitiva destinazione”. Sul capitolo sicurezza stradale si è investito: da ultimo la realizzazione di un bivio finalmente regolamentato dove prima c’era soltanto un incrocio selvaggio e pericoloso di strade secondarie con la statale 106, in zona San Cataldo. Per rendere ancora più sicuro questo incrocio, così come concordato nell’ultimo sopralluogo tra Anas e direzione dei lavori, sarà implementata la segnaletica orizzontale e, nel 2010, verrà probabilmente istallato un impianto semaforico a sensore di traffico. Insomma, un 2009 ricco di soddisfazioni nonostante, ci tiene a ribadire il sindaco, “una generale crisi economica ed i tagli indiscriminati alle risorse finanziarie dei comuni. Un anno da incorniciare durante il quale i fatti, quelli concreti, hanno contato più delle parole. Continueremo il cammino intrapreso nell’interesse supremo dei cittadini ai quali auguro un felicissimo e benefico 2010”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta