IL CONSIGLIO APPROVA IL BILANCIO 2011 CELESTE: NONOSTANTE LA CRISI, ALIQUOTE INVARIATE OK REGOLAMENTI RIPRESE VIDEO E CONSIGLIO TRIBUTARIO

IL CONSIGLIO APPROVA IL BILANCIO 2011 CELESTE: NONOSTANTE LA CRISI, ALIQUOTE INVARIATE OK REGOLAMENTI RIPRESE VIDEO E CONSIGLIO TRIBUTARIO CARIATI (Cs), Giovedì 30 giugno 2011 – Bilancio 2011, il consiglio comunale approva. L’assise ha deliberato positivamente anche per il regolamento per l’istituzione e per il funzionamento del consiglio tributario, ordinamento degli uffici e servizi generali, regolamento per le riprese audiovisive del consiglio. La crisi c’è e si fa sentire anche a livello locale. Così ha esordito l’assessore al bilancio Leonardo CELESTE snocciolando i dati del documento finanziario. Per CELESTE le cause principali di questa situazione sono la riduzione continua dei trasferimenti verso il comune (meno 267 mila euro circa per il solo 2011), la lentezza nel conseguimento di adeguati risultati da parte dell’Ente in particolare per ciò che concerne il recupero dell’evasione fiscale, i limiti imposti dal patto di stabilità interno (giudicato iniquo e vessatorio). Escludendo la Tarsu -ha continuato CELESTE- tutte le tariffe sono bloccate per imposizione normativa, nonostante si registri una costante tendenza in aumento della richiesta di servizi da erogare e del costo degli stessi. Tutto ciò, ovviamente, preclude la concreta possibilità di intervenire con efficacia sul fronte delle entrate. Per i limiti imposti dal Patto -ha proseguito- siamo costretti purtroppo a posticipare il pagamento di fornitori e appaltatori e a non poter impegnare altre somme, congestionando l’azione amministrativa. La struttura del bilancio previsionale 2011 e di quello pluriennale 2011/2013 -ha aggiunto CELESTE- riflette sostanzialmente la gestione e le scelte operate nell’anno precedente, quindi si parte dall’assestato 2010. In effetti lo schema di bilancio approvato dalla Giunta nel Marzo di quest’anno, non ha tenuto conto degli effetti del federalismo municipale in merito alla classificazione del bilancio nella parte entrata. Per quanto riguarda la parte corrente -ha spiegato l’assessore- l’impianto non ha subito modifiche: le aliquote Ici restano invariate; è stato iscritto il trasferimento dallo Stato per l’esenzione Ici prima casa; l’addizionale comunale Irpef è bloccata allo 0,4%; sono state confermate le tariffe del servizio a domanda individuale; lo stesso abbiamo fatto con i canoni di utilizzo dei beni e dell’Ente. Passando alla spesa, il fabbisogno di personale del triennio 2011/2013 non subisce modificazioni. L’acquisto di beni -precisa CELESTE- verrà ulteriormente razionalizzato attraverso il concentramento in capo ad unico ufficio (provveditorato). Dichiarata decaduta la mozione dei consiglieri M.SERO e F.COSENTINO (1) si è passato alla lettura da parte del dirigente dell’area finanziaria GUARASCIO delle determinazioni in merito alle delibere della corte dei conti n. 506/2010 e 130/2011 (2). Dopo la relazione previsionale e programmatica al bilancio (5), l’approvazione del bilancio di previsione 2011 (6) e di quello pluriennale 2011/2013 (7), il consiglio, con 10 voti favorevoli, 2 contrari e 2 astenuti, ha approvato il regolamento per l’istituzione e per il funzionamento del consiglio tributario, inclusivo dell’emendamento proposto dal presidente L.TRENTO (8). Su tariffe e prezzi pubblici per il 2011 (4) e criteri generali dell’ordinamento di uffici e servizi (9) ha relazionato il Sindaco. Sono stati poi nominati i membri della commissione elettorale: oltre al Sindaco (membro di diritto), i consiglieri C.MINÓ e C.RIZZO per la maggioranza, il consigliere F. COSENTINO per la minoranza, i consiglieri TRENTO e DONNICI supplenti per la maggioranza, M. SERO supplente per la minoranza. Approvato infine il regolamento per le riprese audiovisive in consiglio (11) sul quale ha relazionato l’assessore alla comunicazione Sergio SALVATI.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta