I LOVERPOP PROTAGONISTI DELLA FESTA DI CRISTO RE

I LOVERPOP PROTAGONISTI DELLA FESTA DI CRISTO RE di Maria Scorpiniti Domenica scorsa si è svolta a Cariati la festa in onore di Cristo Re, titolare dell’omonima parrocchia nella marina. Una solennità importante anche per la chiesa cattolica che segna la fine dell’anno liturgico e l’avvicinarsi dell’Avvento, il tempo che introduce e prepara al Santo Natale. Per manifestare la gioia di stare insieme, non solo dal punto di vista liturgico, la comunità si è ritrovata per vivere un momento di festa. Nel pomeriggio, tantissima gente ha preso parte alla messa animata dal coro diretto dal maestro Pietro Maringolo, celebrata dal parroco don Mosè Cariati con la presenza del diacono don Giuseppe Cersosimo che, da alcune settimane, svolge a Cristo Re il suo ministero ordinato. Il celebrante ha presentato ai fedeli il Cristo, che non ha esplicato la sua regalità con la potenza o il denaro, ma attraverso il servizio che si traduce, per i credenti, in una scelta di vita coerente all’annuncio evangelico. Nel corso della funzione, don Mosè ha fatto memoria di tanti giovani della comunità cariatese che hanno perso la vita sulla SS106 poiché, nella stessa domenica, ricorre la Giornata Mondiale in ricordo delle vittime della strada. Dopo la celebrazione, nel cortile, è stato allestito un ricco buffet di dolci e rustici attorno al grande fuoco predisposto dal collaboratore Dino Santoro. Sul palco, sempre all’esterno, si sono esibiti i Loverpop, il complesso musicale nato nell’ambito della parrocchia. La simpatica band di giovanissimi, formata da Mauro Greco, Leonardo Russo, Giacomo e Rocco Aiello, Salvatore Arcudi, ha già alle spalle un discreto curricolo: la vittoria al festival dei giovani talenti tenutosi quest’estate a Cariati, è reduce del premio “Claudio Mazzitello” di Rimini e, nel settembre scorso, ha partecipato al Festival di Faenza, la famosa rassegna musicale dedicata ai nuovi talenti e che costituisce un importante trampolino di lancio per farsi conoscere a livello nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta