I grillini di Cariati: al più presto ristabilire la legalità.

Il senatore del Movimento Cinque Stelle, Francesco Molinari, che qualche settimana addietro aveva presentato un’interrogazione al Ministero degli Interni chiedendo, in estrema sintesi, lo scioglimento del consiglio comunale, ha incontrato, presso il Centro sociale, un gruppo di attivisti e simpatizzanti grillini ed alcuni cittadini, fra i quali 4 dei 5 rappresentanti delle opposizioni consiliari. Il tema, caldo, era incentrato proprio sulla clamorosa richiesta del senatore Molinari il quale, approfittando della riunione, ha voluto sapere dai presenti la reale situazione in cui versa Cariati e le cause che la hanno determinata. Ne è sortito un breve ma impietoso excursus che ha messo a nudo l’intero apparato del governo locale composto, hanno detto all’unisono le minoranze, “da persone che calpestano ogni giorno i più elementari principi delle regole democratiche, danneggiando senza rimedio il già fragile tessuto economico e sociale della città, la quale deve anche fare i conti con una crisi che sembra non finire mai”. I consiglieri di opposizione hanno chiesto a Molinari di farsi portavoce presso le istituzioni sovra comunali che, nonostante siano a perfetta conoscenza del dramma cariatese, temporeggiano nell’assumere decisioni anche rigorose e severe nei confronti del sindaco Filippo Giovanni Sero e della sua giunta. Da parte loro, i grillini di casa nostra hanno stigmatizzato la dura presa di posizione del primo cittadino nei confronti di Molinari che si è detto pronto a perseverare nell’impegno assunto: quello di investire della questione ogni organo istituzionale preposto perché “a Cariati venga al più presto ristabilita la legalità”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta