i consiglieri di minoranza sferrano una dura offensiva all’Amministrazione Comunale con un altro pesante manifesto affisso in tutti i ritrovi della cittadina

A distanza di 15 giorni i consiglieri di minoranza sferrano una dura offensiva all’Amministrazione Comunale con un altro pesante manifesto affisso in tutti i ritrovi della cittadina e sulle tavole di affissione di Cariati e del suo hinterland. “Siamo ormai al fallimento” è il titolo del documento. I firmatari Filomena Greco, Francesco Cosentino, Mario Sero e Tommasino Critelli evidenziano, a chiare lettere nel loro comunicato murale, le diverse motivazioni, a loro dire, che stanno portando al fallimento l’Ente comunale con grande aggravio per i cittadini. “Si è dato inizio alla “tarantella” nel 2006 con circa 8.000,00 euro pagati, asserisce la minoranza, per il Montone d’oro (cappotto) allo zio del sindaco e si è continuato con spese inutili: per tarantelle e festicciole varie per gli amici circa 500.000,00 euro”. Nel manifesto viene sottolineato che per comunicati stampa si sono spesi circa 100.000,00 euro; altri 30.000,00 euro per cene e cenette per amici. I quattro esponenti della minoranza, inoltre, puntualizzano che “per incarichi ad amici e parenti (tra cui la Sogefil) lasciano ai lettori la facoltà di mettere la cifra, in quanto gli stessi firmatari non sono in grado di calcolarla”. Altra grave accusa all’Amministrazione Comunale è quella di non essere riuscita non solo a non rispettare il Patto di Stabilità, ma soprattutto a non pagare imprese, fornitori, professionisti, dipendenti comunali, LSU ed LPU, mentre, sostengono i consiglieri di minoranza, gli amministratori continuano a pagarsi stipendi e trasferte”. Altra grave affermazione di Filomena Greco, Francesco Cosentino, Mario Sero e Tommasino Critelli è quella che “mentre il sindaco e gli esponenti della sua maggioranza oziano al Comune, chiude, con grave danno della cittadinanza di Cariati e dell’intero suo territorio, i battenti anche l’ospedale Vittorio Cosentino di Cariati”. Il manifesto murario si conclude: “Sindaco… non aver paura del confronto! Convoca il consiglio comunale per affrontare e risolvere i problemi della nostra comunità”. La tensione politica a Cariati è incandescente: le problematiche che saranno dibattute nell’imminente consiglio comunale, quali lo stato degli appalti dei lavori del Mercato Ittico; la revoca del finanziamento all’unione dei Comuni di Cariati, Campana, Terravecchia e Pietrapaola; la risoluzione contrattuale della Sogefil e la trattazione sulla viabilità interna ed interpoderale sono alcune delle tematiche che infiammeranno la prossima seduta consiliare.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta