FESTA DI SAN CATALDO: Recuperare e arricchire l’originaria celebrazione del rito e dei festeggiamenti

Fermo restando le date di svolgimento al 9 e 10 di Maggio

L’Arcivescovo della Diocesi di Rossano-Cariati, Mons. Giuseppe Satriano ha incontrato una delegazione costituita: dai tre parroci di Cariati, dall’assessore Mariaelena Ciccopiedi e dalla consigliera Ines Scalioti in rappresentanza dell’Amm.ne Comunale, dal Comandante della locale Delegazione di Spiaggia, dai rappresentanti delle Parrocchie di San Cataldo e della Concattedrale, dal Presidente dell’associazione commercianti insieme ad una folta delegazione della stessa, per proporre e valutare insieme una ipotesi di rivalorizzazione della festa di San Cataldo, tendente a recuperare e arricchire sotto ogni profilo l’originaria celebrazione del rito e dei festeggiamenti ad esso collegati.
Fermo restando le date di svolgimento al 9 e 10 di Maggio, la festa inizierebbe con un solenne pontificale, presieduto dall’Arcivescovo, al quale è prevista la partecipazione dei Parroci di tutta la Vicaria di Cariati e la successiva processione sarebbe arricchita da una parte del percorso (ancora da definire ), da effettuare in mare a bordo di una imbarcazione come avveniva anticamente , coinvolgendo attivamente la marineria cariatese e l’area del lungomare. A conclusione si potrebbe tenere un bellissimo spettacolo pirotecnico sull’acqua e il giorno dopo nella Chiesa di San Cataldo una serie di celebrazioni che accoglieranno i devoti che nel corso della giornata potranno rendere omaggio al Santo nella consueta cornice di festa. In serata al centro storico si potrà tenere uno spettacolo di intrattenimento.

La delegazione continuerà a riunirsi nei prossimi giorni per definire i dettagli della nuova modalità di svolgimento dei festeggiamenti, verificare la fattibilità e la tempistica delle varie operazioni e valutare ogni altra attività utile e necessaria a rivitalizzare questo importante appuntamento anche sotto il profilo della partecipazione e del turismo religioso ad esso collegato.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta