FAMIGLIA, SCUOLA E CHIESA SI INCONTRANO ALL’IPSIA DI CARIATI

FAMIGLIA, SCUOLA E CHIESA SI INCONTRANO ALL’IPSIA DI CARIATI Costruire un’alleanza educativa tra famiglia, scuola e chiesa. Questo l’obiettivo che si prefigge l’incontro organizzato all’IPSIA “Giovanni Mazzone” di Cariati dal parroco don Mosè Cariati e dal preside prof. Gerardo Aiello con i genitori, gli studenti dell’IPSIA e dell’Alberghiero, i docenti e il personale ATA. L’appuntamento è per sabato prossimo, 1 ottobre 2011 alle ore 10,45, nella nuova palestra dell’Istituto, che sarà benedetta per l’occasione, a cui seguirà la celebrazione della Santa Messa, per iniziare l’anno scolastico all’insegna dell’amicizia e della collaborazione, pur nel rispetto dei diversi ruoli. Secondo don Mosè, che nell’Istituto svolge anche il ruolo di docente di Religione Cattolica, è necessario che, da parte dei genitori, non ci sia la mentalità di delegare alla scuola le funzioni educative che, invece, spettano alla famiglia, la quale “precede qualsiasi istituzione formativa, le accompagna e le integra tutte”. Una presenza fattiva da parte dei genitori è, dunque, richiesta dalla comunità educante per poter formare e istruire i giovani a loro affidati e aiutarli a crescere come cittadini liberi e responsabili. “Con l’incontro di sabato prossimo – afferma don Mosè – vogliamo creare una forma di collaborazione, finalizzata ad intraprendere insieme un percorso formativo in parrocchia, per far fronte alla difficoltà formativa dei genitori nel contesto sociale odierno”. Non a caso la Chiesa Italiana ha iniziato, a partire da quest’anno, il decennio dedicato alla sfida educativa, da molti considerata un’emergenza, e la Chiesa Diocesana, in perfetta sintonia, ha indetto l’Anno dei Giovani con lo scopo di approfondire il tema dell’educazione, soprattutto per cercare di intravederne contenuti e metodi e proporre spunti per l’orientamento pastorale. Un’emergenza sentita anche dagli operatori dell’educazione di Cariati, a cui la famiglia non può sottrarsi.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta