Come pensano i tre candidati a Sindaco a intercettare il filone dei possessori di seconde case al mare, che rappresenta una buona base per cambiare passo, prospettiva, interazione e occasione per promozionare e valorizzare il Paese?

In queste vacanze pasquali Cariati é restata vuota

Se c’é una consapevolezza che domina, tra i “portatori” di consenso dei tre candidati alla poltrona di Sindaco, questa é la certezza della vittoria del proprio candidato.

Una convinzione aperta e trasparente che fa piacere, perché denota anche l’impegno che ciascuno metterà nell’imminente campagna elettorale che bussa ormai alle porte.

Vorremo cogliere presto questa convinzione anche attraverso i programmi elettorali. Le idee e i progetti che disegneranno la Cariati del futuro.

La situazione impone un cambiamento. E ce lo siamo detti tante volte su queste colonne. Ma perché ciò sia efficace deve tradursi in programmi concreti che facciano il loro corso con decisioni istituzionali di un certo rigore.

Provo a indicare un primo traguardo che potrà sembrare banale e irrisorio, ma non lo é di sicuro. In queste vacanze pasquali Cariati é restata vuota. Alberghi, ristoranti e esercizi commerciali, e di questo che vogliamo sentire anche parlare i candidati a Sindaco, sono restati senza turisti. Soli a disposizione di pochissimi locali.

L’immagine di Cariati, ahimè, continua a restare la stessa. Per capovolgerla significa che la prossima amministrazione comunale deve dialogare e invogliare, peraltro, i tanti proprietari di seconde case, affinché le vacanze pasquali possono diventare un primo importante appuntamento con la stagione estiva.

Un anticipo che definisca una presa di contatto con l’appuntamento d’agosto. Oggi evidentemente la percezione, poco rassicurante da parte degli stessi della realtà cariatese, non li stimola a fare il passo in avanti. Semmai il peggio non é ancora alle spalle.

E tuttavia a Cariati non manca nulla, perché i proprietari di seconde case possano pensare di trascorrere qualche giorno di riposo in loco, durante la settimana santa, e approfittare di aprire le loro abitazioni al mare.

Naturalmente le cose sono complicate. Non bisogna scoraggiarsi, aprendo un ragionamento sull’opportunità. Quindi, come pensano i tre candidati a Sindaco a intercettare il filone dei possessori di seconde case al mare, che rappresenta una buona base per cambiare passo, prospettiva, interazione e occasione per promozionare e valorizzare il Paese?

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta