Chi troppo vuole, nulla stringe!

elisa agazio-2016
Elisa Agazio

Capita, quando sei una laureanda sotto esame nel pieno della tua sessione estiva, di accendere il pc in cerca di qualcosa che ti faccia distrarre o, meglio ancora, in cerca di qualcuno che sia più stressato e disperato di te.. così, giusto per trovare quella consolazione necessaria per riprendere il libro in mano e illuderti che..no, forse non sei messa poi così male. E capita, in questo frangente, di imbatterti in un video apparentemente idiota (dato che inizia con un buco nero) ma, in realtà, molto molto significativo.

Un uomo in ufficio, sommerso da mille carte e stressato per un lavoro che non lo soddisfa poi così tanto, impegnato a fotocopiare dei documenti tramite una normalissima fotocopiatrice da ufficio, stampa per sbaglio un foglio con al centro un unico, grandissimo, buco nero. Scopre, in realtà, che quell’errore può cambiargli la vita perché quel buco nero è la chiave d’accesso a tutto ciò che gli sta intorno: gli basta, ad esempio, poggiare quel foglio sul vetro di un distributore, avvicinare il suo braccio al buco nero e.. magicamente, riesce a oltrepassare il vetro, rubare una merendina e mangiarla.. così, giusto per essere sicuri che non sia tutto un sogno e che la fatina dei desideri voglia fargli un regalo.

Allora, il giovane e ingordo manager, decide di passare allo step successivo: non più ladro di merendine ma ladro di soldi; sì, perché  quando la vita ti fa un simile regalo non puoi accontentarti delle briciole.. quindi è scontato accostare il foglio della fortuna sulla parete di un’enorme cassaforte blindata e vedere cosa succede. Dunque accosta il foglio, infila il braccio, lo ritrae e.. mazzette di banconote da 500€, quasi da non crederci! Prende la prima, la seconda, la terza.. poi, per velocizzare il tutto e svignarsela il prima possibile, decide di attraversare con tutto il suo corpo quell’enorme buco nero e infilarsi direttamente nella cassaforte stessa.

Ma, come in tutte le più belle favole c’è sempre il lupo cattivo a rovinare tutto, anche in questo spot c’è la sfortuna che ci mette lo zampino; sì, perché proprio nel mentre si accinge ad entrare nella cassaforte il foglio accidentalmente si sposta.. e il nostro amico ingordo resta imprigionato, senza via d’uscita, nella cassaforte blindata. Io direi, invece, che resta imprigionato nella sua eccessiva ambizione e presunzione, resta imprigionato nella sua fame di potere e di successo.. e, come si suol dire, chi troppo vuole nulla stringe!

Credo che questo video sia geniale (lo potete facilmente reperire online): mostra quanto le nostre eccessive aspettative possano portarci alla rovina, quanto la pratica del consumismo ci stia letteralmente sfuggendo di mano. Nessuno pensa mai che la sua vita possa essere semplicemente normale, abbiamo sempre delle aspettative su chi diventeremo e su dove andremo; tutti siamo convinti che diventeremo il massimo, che pianteremo ogni bandierina che avevamo prefissato e poi.. poi, arriva la realtà.

La verità, cari amici, è che la realtà supera di gran lunga le aspettative; non pensate ai viaggi del domani, alla casa dei vostri sogni, al fidanzato tanto atteso che però non arriva. Pensate alle prospettive di oggi, sappiate apprezzare le piccole opportunità che vi vengono concesse, accontentatevi di quello che avete e lavorate su voi stessi per migliorare, per realizzarvi come più desiderate. Ma abbiate l’intelligenza e soprattutto l’umiltà di fermarvi laddove capite che avete dato il massimo.. perché se è vero che i soldi agevolano la vita, è altrettanto vero che non fanno la felicità e che le cose più belle della vita, sono gratis: l’abbraccio di una mamma, l’affetto del tuo cane, le partite con gli amici, i sorrisi di tuo figlio.

Elisa Agazio

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta