CARIATI UNITA: DA TRE ANNI APPROVANO BILANCI NON REALI

L’equilibrio del bilancio, per ogni amministratore pubblico, dovrebbe essere il punto fondamentale della propria azione politica e amministrativa con la continua ricerca di un bilanciamento reale tra le risorse disponibili e le spese necessarie per il perseguimento delle finalità pubbliche.

A Cariati, accade però, che quanti continuano ad ergersi a paladini della buona amministrazione, pur di mantenere la comoda poltrona alla quale sono incollati, continuino ad approvare, da tre anni ormai, bilanci che nulla di reale hanno, dove le risorse disponibili vengono gonfiate ad arte al solo fine di raggiungere equilibri fittizi.

Un bilancio, che non programma alcunché per il futuro e che non affronta nessuno dei tantissimi problemi che sta vivendo Cariati: risorse scadenti o inesistenti per la gestione fognaria, per il porto, per le politiche sociali, per il turismo, per la cultura, per la scuola, per i giovani, per gli anziani. Nessuna politica di incentivi e sostegni per le stremate categorie produttive del nostro territorio, che continuano ad essere totalmente abbandonate da questa disamministrazione comunale. Nessun investimento importante e strategico nei settori rilevanti della nostra comunità.

Solo risorse per gli amici che si occupano di contenzioso e null’altro!

Tutto ciò, a fronte di previsioni di entrata fittizie, riproposte per il terzo anno consecutivo, per oltre 4 milioni di euro di accertamenti sull’IMU, sulla TARI, sulla TASI, sull’Acqua per gli anni dal 2017 al 2020; a fronte di residui su tributi non incassati negli ultimi 4 anni per oltre 10 milioni di euro; a fronte dell’iscrizione di somme fasulle sui fondi previsti a garanzia del bilancio.

Un bilancio falsato ed in rosso per circa 20 milioni di euro in soli 4 anni che conferma il disastro politico, amministrativo, finanziario di chi è incapace di amministrare Cariati e, pur consapevole dei danni irreparabili che sta producendo, continua a rimanere incollato alla poltrona.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta