CARIATI. L’8 Dicembre sono stati accesi gli alberi “dell’amore, della solidarietà e della collaborazione”

L’8 Dicembre sono stati accesi i nostri tre alberi di Natale. Ognuno con un preciso significato! Filo conduttore l’amore, la solidarietà e collaborazione!! Con orgoglio possiamo dire che in poco meno di un mese abbiamo realizzato 1300 mattonelle. Ad aiutarci sono intervenute anche donne del nostro territorio: Scala Coeli, Mandatoriccio, Torretta, Crotone e non solo, sono venuti aiuti anche da Roma.
L’idea dell’albero di Natale è venuta un paio di anni fa al nostro Sindaco Filomena Greco che, guardando alcuni video natalizi, si è imbattuta nella creazione fatta a Trivento, in Molise, nel 2018.
A Trivento l’iniziativa è partita da Lucia Santorelli, che con la grande collaborazione del paese ha realizzato nel 2018 il primo albero di Natale all’uncinetto con 1300 mattonelle colorate che ha affascinato tutto il mondo e che, con il progetto “Un filo che unisce da Trivento a… “, ha coinvolto nella realizzazione degli alberi di Natale all’uncinetto, 45 città italiane e 5 straniere con grandissimo successo! Cariati si unisce a questo bellissimo progetto in ritardo purtroppo, ma abbiamo fortemente voluto realizzarlo ugualmente riscoprendo, con immenso piacere, anche nel nostro amato paese, la solidarietà, la collaborazione, lo spirito di gruppo e l’antica tradizione dell’uncinetto. Ma non finisce qui, oltre 2000 bottiglie e centinaia di pneumatici controllati uno per uno per dar vita a degli alberi di Natale molto particolari, nati dall’idea di sensibilizzare i cittadini al riuso dei materiali.
Come avviene in molte città d’Europa, quest’anno anche a Cariati in due villette comunali sono stati realizzati due alberi di quattro metri di altezza! Il progetto del Coordinamento Donne ha coinvolto la cittadinanza, grandi e piccoli, per dare anche un tocco “ECO” a questo Natale e sensibilizzare tutti verso il riciclo e la preservazione dell’ambiente. Abbiamo iniziato a fine Settembre con l’idea di dare al Natale un significato anche etico, puntando al riciclo delle bottiglie di plastica e pneumatici, tutti materiali dannosi per l’ambiente.
Nella Villetta dei Lavoratori abbiamo realizzato un Albero di Natale con Pneumatici usati, che abbiamo definito speciale.
Speciale perché ha un triplice significato: quello della decorazione natalizia, quello di aumentare le azioni di riciclo e del riuso dei materiali, ma soprattutto è stato un nostro dono a Battistina Russo, vittima di Femminicidio.
Nella Villetta Comunale di San Paolo abbiamo realizzato un albero di Natale con Bottiglie di plastica. Siamo più che soddisfatte del risultato ottenuto, con un pò di fantasia abbiamo dato nuova vita ai materiali; e lo si può fare stando insieme, collaborando e insegnando così ai ragazzi l’arte del riciclo.
Tanti i cittadini coinvolti che hanno contribuito alla realizzazione di questo progetto e spero che il prossimo anno tutto il paese possa essere decorato grazie al riciclo creativo.  
Il Coordinamento Donne vuole ringraziare innanzitutto Cataldo Minutolo per aver realizzato la struttura gratuitamente ed anche la moglie Libera Schmoll per averci dato la possibilità di lavorare ai nostri alberi a casa loro, ad Andrea Forciniti, Antonio Ferraro, Gommista Audino di Mandatoriccio per i pneumatici, Cantieri Navali di Montesanto per averci donato l’albero maestro dell’albero delle bottiglie, le mamme dei bambini della classe 2°B della scuola primaria G. Di Napoli per le bottiglie, Raffaele Russo (Farfalla), Riccardo Lettieri, Area 51 Beach per il magnifico angolo buffet con musica che ha rallegrato l’inaugurazione dell’albero Granny Square, i Signori Varrina e Morsillo per averci aiutato con l’albero delle bottiglie, Fedele Longobucco, Maria Spina e Antonio Cosentino, e anche tutti quelli che ci hanno aiutato nella realizzazione degli alberi.
Un grazie all’Amministrazione Comunale di Cariati che ci ha permesso di decorare le tre villette del nostro paese e illuminare i nostri alberi!
GIANNA RUSSO
Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta