CAMPANA. Il Tribunale di Cosenza annulla il decreto di sequestro preventivo emesso contro Giuseppe DE MARCO

SIMBOLICA GIUSTIZIA AGENZIA BETTOLINI (Agenzia: DA RACHIVIO) (NomeArchivio: PAV-G1ig.JPG)

Il Tribunale di Cosenza – Sezione Penale-Riesame Misure Cautelari Reali – riunitosi in camera di consiglio nella scorsa settimana, ha annullato, con Ordinanza, il decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP presso il Tribunale di Castrovillari in data 22/02/2022.

A beneficiare di tale ordinanza è il Sig. Giuseppe DE MARCO, titolare della ditta individule “Impresa Costruzioni De Marco Giuseppe” al quale, in sede di esecuzione, gli venivano sottoposti a sequestro: un fabbricato ubicato nel Comune di Cariati nonché il proprio Conto Corrente Postale.

Il fatto che ha portato al provvedimento di sequestro, risale al 2 luglio 2015, allorchè la Guardia di Finanza (Compagnia di Rossano) avviò un controllo fiscale nei confronti delle società riconducibili al gruppo Caputo al fine di ottenere riscontro rispetto ai dati estrapolati dall’applicativo “Spesometro Integrato” della Banca Dati Anagrafe Tributaria, in relazione a diversi anni di imposta. Dall’esito dei controlli incrociati, si rilevava la presenza di diverse fatture emesse dalla “Rossano Costruzioni Srl” non confluite nel volume di affari dichiarato dalla stessa Società ma utilizzate dai suoi clienti per abbattere il debito imponibile ai fini delle Imposte dirette e ridurre l’IVA da versare all’Erario.

Tra questi “utilizzatori” figurava anche la ditta di Giuseppe DE MARCO il quale, però, grazie alla disamina della documentazione prodotta dai suoi legali, ha dimostrato l’effettiva realizzazione dei lavori cui si riferivano le fatture de qua, scardinando così l’ipotesi accusatoria di cui al contestato reato previsto dal Dlga 74/2000 che disciplina i reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto, a norma dell’articolo 9 della legge 25 giugno 1999, n. 205.

Accolto il ricorso, è stato ordinato il dissequestro e la restituzione al DE MARCO, dei beni sottoposti all’ “embargo”.

Antonio Loiacono

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta