calcio: Un portentoso Nunzio Astro, in due dei tre goal, che hanno permesso alla Cariatese di tenersi i 3 punti in palio.

Cariatese 3 – Casabona 0 Marcatori : 13’ e 28’ Astro, 18’ Crescente Cariatese : Palopoli 7, Russo Carmine 8, Riolo 7, Risoleo 8, Russo Luciano 7,5, Crescente 7,5, Sero Fausto 7,5, (90’ Gentile Francesco s.v.), Cristaldi 7,5, De Lorenzo 8, (81’Sero Nicola s.v.), Sero Raffaele 8, (88’Gentile Pasquale s.v.), Astro 8. All: Donnici Leonardo. Casabona : Strologo 7, Paglia 5 ( 51’ Forcinito 5), Benincasa Fedele 5, Seminario 6,5, Benincasa Gaetano 5, Andracchio 5, Melfi 5, Bellizzi 5, Patera 6, Covello 6, Siciliani 5. All: Barbuto Raffaele. Arbitro : Granato Biagio 7 di Rossano. La Cariatese del presidente Giuseppe Matera, sovvertendo ogni pronostico, batte il blasonato Casabona, apparso attonito e smarrito, conseguendo tre punti preziosi per il raggiungimento della salvezza, facendo diventare più roseo il suo prossimo futuro. Il massimo dirigente della Cariatese, architetto Giuseppe Matera, può essere ampiamente soddisfatto della sua compagine,in quanto ha espresso una splendida prestazione, grazie ad un mix di giovani e meno giovani. Il bottino è stato alquanto largo, ma poteva essere più pingue se il portiere ospite Strologo non avesse sfoderato autentici miracoli al 52’, al 65’ e all’86’ su bolidi rispettivamente di Astro, De Lorenzo e ancora Astro, negando così un’autentica goleada alla compagine di casa, completamente trasformata rispetto al derby di domenica scorsa. Si è vista una formazione compatta,c on una difesa, Russo Carmine, Risoleo, Russo Luciano e Riolo insuperabile, un centrocampo costituito da un sontuoso Emilio De Lorenzo, un duttile Raffaele Sero e un veloce Fausto Sero, nonché un portentoso Nunzio Astro pronto a dare mano forte alla retroguardia nonché autentico goleador, autore di una splendida doppietta. La compagine ospite del direttore sportivo Cimino non è stata all’altezza delle sue ultime recenti prestazioni, in quanto si è fatta imbrigliare nella rete architettata dalla Cariatese che oltre alle tre reti non ha siglato altri quattro gol ad opera degli attaccanti locali sventati da altrettanti prodigiosi interventi del portiere ospite. Una gara, invece, da dimenticare, in quanto la formazione ospite, ad eccezione dell’incontrista Seminario, ha profondamente deluso. Impeccabile la direzione del rossanese Biagio Granato Cariatese, dunque, quasi perfetta ed inimmaginabile alla vigilia, il presidente Giuseppe Matera si gode la vittoria dei suoi ragazzi,ma minimizza la prestazione del successo. “Pensiamo di gara in gara, esordisce a fine partita il massimo dirigente, il nostro obiettivo era e rimane quello della salvezza senza play out; da oggi in poi dobbiamo continuare a crescere nel gioco e soprattutto nella sportività, nonché concludere il lavoro che da qualche giorno stiamo facendo. Oggi, prosegue Giuseppe Matera, intorno a noi c’è stato tanto entusiasmo, ma dobbiamo restare concentrati su quello che è il nostro vero obiettivo e ricordarci quale è la nostra realtà, solo così possiamo pensare di raggiungere il traguardo della salvezza. E’ stata una vittoria più che meritata, tutti i ragazzi hanno dato il massimo, facendo dimenticare la cattiva prestazione, a soli tre giorni dal derby, di domenica scorsa contro i cugini del Cariati”. Anche il veterano della Cariatese, Gennaro Cosentino, oggi assente per infortunio, mantiene i piedi per terra. ”Dobbiamo continuare a puntare alla salvezza, ha puntualizzato e non bisogna abbassare la guardia. Oggi i tifosi sognano? Sono liberi di farlo, ci mancherebbe. Io da giocatore anziano devo essere realista e guardare solo alla prossima gara che ci vedrà in trasferta a Torre Melissa. In questo momento mi sento di dire grazie al nostro presidente nonché all’intera dirigenza che stanno facendo un buon lavoro”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta