CALCIO: IL CARIATI TORNA IN PROMOZIONE

Il pomeriggio del 19 aprile è un giorno da ricordare, uno di quelli che resterà negli annali della soria del Cariati Calcio. Non si è ancora spenta l’eco della splendida vittoria del Cariati sul quadrato collettivo del Fiumefreddo che ha sancito in maniera definitiva la promozione del Cariati nella categoria superiore e difficilmente potrà spegnersi. L’impresa del collettivo del trainer Vincenzo Filareti è di quelle storiche: la vittoria del campionato è stata raggiunta con due giornate di anticipo ed il 3 maggio, giorno di chiusura del campionato di prima categoria che il Cariati concluderà in casa con il Mirto Crosia, lo stadio comunale farà da stupendo proscenio ad un traguardo che nessuno pensava di poter conseguire ad inizio di campionato. Il Cariati torna, dunque, in Promozione. Sugli spalti e cinque minuti dopo il finale del direttore di gara Graziano Loris nello spazio antistante gli spogliatoi spumante, rustici, pizze e dolci d’ogni genere nonché bibite di vario tipo unitamente all’intera squadra del Fiumefreddo, solidale con i padroni di casa. Una partita che il tecnico del Cariati ha voluto vincere per assicurarsi con due giornate di anticipo la vittoria del campionato. Prestazione superba e sontuosa quella espressa da capitan Cataldo Scarpello e compagni contro il Fiumefreddo che battono con il sonoro punteggio di 3 a 0, scrivendo un’altra pagina stupenda nella storia di questa stagione, rendendosi, così, protagonisti dell’ennesima dimostrazione di carattere e compattezza, doti che hanno saputo cucirsi addosso con sacrificio ed applicazione, guidati dal terzetto di centrocampo De Giacomo, Ferrentino e Brillante sempre più motiva tori e strateghi del collettivo biancazzurro, affiancati ad un cinico finilizzatore quale Raffaele Apicella, che con le sue 31 reti siglate ha contribuito incisivamente sulla conquista del titolo. Altro significativo riconoscimento va dato ai portieri Straface e Curatolo, all’impeccabile centrale difensivo Ivano Graziano, a Varquez, Blaconà, De Santis, Campana, Le Voci e Lavia che hanno sempre contribuito egregiamente alla conquista del titolo. Una menzione merita senz’altro il tornante Daniele Torchia, protagonista di eccellenti prestazioni che ha concluso la sua annata calcistica con la terza rete siglata al Fiumefreddo: un vero e proprio eurogol. Un elogio particolare va soprattutto agli under Pugliese, Ioele, Russo, Filareti, Fazio, Paparo, Grillo e Pirito che con le loro superbe prestazioni hanno contribuito al trionfo del Cariati. Il tecnico del Cariati Vincenzo Filareti al termine del match esplode con un urlo liberatorio. “Il successo del Cariati, esplode Vincenzo Filareti, riveste un successo sociale perché lo sport a Cariati è significativo per la crescita e l’esplosione di tanti giovani”. Altro intervento di rilievo è quello del direttore sportivo. ”Ci abbiamo creduto tutti e l’impegno espresso dall’intero organico, precisa l’ing. Giampasquale Trento, è la vera testimonianza di questo insperato trionfo. Desidero rivolgere un fervido ringraziamento al presidente onorario Vittorio Tosto, a suo fratello Sabatino, presidente effettivo della società per l’appassionato e disinteressato contributo che hanno dato al calcio cariatese. Oggi, però, si rende necessario l’ingresso nella società di altri operatori economici se si vuole disputare un dignitoso campionato di promozione”. Sabatino Tosto, presidente effettivo del Cariati è l’esempio tipico del classico massimo dirigente che ha coronato uno stupendo sogno: gestire la squadra del proprio cuore unitamente al fratello Vittorio, vecchia e grande gloria del calcio nazionale, Sabatino Tosto, abile imprenditore economico, proprietario di un grosso supermercato nel settore alimentare da svariati anni, si è deciso a prendere le redini del Cariati solo ed esclusivamente per amore del calcio, per evitarne il fallimento o che andasse in mani sbagliate. ”La mia decisione, unitamente a quella di mio fratello Vittorio, vuole essere una follia d’amore per lo sport calcistico. In questo finale di campionato stiamo ridando senso ed orgoglio alla cittadina di Cariati, viviamo quest’ultime due partite di campionato con grande entusiasmo e serenità. Ora godiamoci questo stupendo momento che è il coronamento dei nostri sacrifici che vogliono dire: Il salto nel campionato di Promozione Calabrese e soprattutto l’esplosione di tanti giovani allievi, che inorgogliscono la cittadina di Cariati e che premiano la costanza e la fiducia che sia io ma soprattutto mio fratello Vittorio abbiamo riposto nella valorizzazione di tanti giovani”. I festeggiamenti domenica sera si sono protratti fino a notte inoltrata e proseguiranno sino al pomeriggio del 3 maggio, quando il Cariati Calcio chiuderà i battenti della prima categoria affondando in casa il Mirto Crosia. Sarà una giornata davvero trionfale per i fans del Cariati Calcio.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta