Basta con i soliti copioni. Si discuta in modo aperto su progetti e piani per Cariati.

Sono particolarmente curioso di conoscere cosa pensano i pochi cariatesi rimasti in loco, e quelli ancora elettori ma non residenti di fatto, circa la tornata elettorale delle amministrative che si terrà tra 10 mesi. Sarebbe interessante conoscere il livello di sfiducia e malcontento che hanno raggiunto nei confronti della politica locale e cosa li desterebbe dalla loro preoccupante apatia per non dire dalla rabbiosa noia. E’ un dato di fatto che la seconda consiliatura Sero, che adesso é all’ultimo giro di boa, non ha registrato alcunché di partecipazione e coinvolgimento alla vita politica/amministrativa della comunità. E’ stata esclusivamente una corsa solitaria del Primo Cittadino verso un traguardo. Rimanere in sella, raggiungendo un primato unico. Due mandati consecutivi senza cadere. Si é manifestata, in questi duri anni, una scarsa partecipazione ai Consigli comunali dei cariatesi e nessun recepimento dei cronici fabbisogni locali della Giunta, capeggiata dal Sindaco avv.Filippo Sero. Il dato é tratto. Se i cariatesi, quelli ancora coscienti e volenterosi, non provano a riprendere operativamente il futuro della loro società poco potrà cambiare. Il parassitismo generale che continua a percepirsi, parlando con i cariatesi, poco fa sperare per una irrimandabile scadenza. La fuga dei cariatesi dalla interessarsi alla “cosa pubblica”, lasciando che la qualcosa resti nella responsabilità di pochi e sparuti gruppi di “potere”, non fa intravvedere nulla di positivo da qui a meno di un anno. Urge una proposta cultura e politica per una nuova Cariati che affascini i cariatesi e che ne siano parte integrante della stessa, e che costringa gli sparuti e vecchi gruppi politici, che detengono parte dei voti, a intraprendere un nuovo corso. Basta con i soliti copioni. Si discuta in modo aperto su progetti e piani per Cariati, al di fuori dei vecchi schemi a gruppetti ormai datati, a favore di un nuovo assetto del Paese. Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta