A Cariati, la befana è arrivata dal mare, alla festa della Lega Navale pro-UNICEF.

A Cariati la befana è arrivata dal mare, durane la festa della Lega Navale pro-UNICEF. L’evento è stato organizzato dal Gruppo Volontari UNICEF di Cariati, composto da Carmela Santoro, Elena Brunetti, Maria Rosaria Galati, Anna Rosa De Nardo, coordinato da Gemma Branca. Il gruppo si è avvalso della collaborazione logistica ed economica della Lega Navale Italiana, Sezione di Cariati, retta da Giovanni Cufari, coadiuvato da Vincenzo Rispoli, Giorgio Scarpello, Domenico Nigro Imperiale, Gaetano Curia, Andrea Procopio, Giovanni Scigliano e la presenza del Comandate del porto Luogotenente Antonio Paparo. E’ stato un momento di gioia e di festa perché, a intrattenere i partecipanti, c’è stato l’allegro spettacolo di Giorgio Russo che ha divertito grandi e piccoli, l’esposizione delle prelibatezze dolciarie e rustiche del periodo e del luogo, con dimostrazioni pratiche dal vivo. Durante la serata si è manifestato anche un segno di concreta socializzazione, solidarietà e di generosità fatta, attraverso le offerte dai presenti, a favore dei bambini bisognosi di cure e alimenti seguiti dall’UNICEF. Ma, la grande attesa dei più piccoli era, però, per la vecchietta con la scopa che da secoli distribuisce doni. Ieri, al posto del comignolo, i soci della Lega Navale, hanno organizzato l’arrivo della befana (Serafina Russo) al porto di Cariati, facendola scendere da una motobarca e, non poteva essere diversamente, in una cittadina come Cariati, riversa sul mare. Lo spettacolo è stato presentato da Maria Crescente. Al termine della serata la referente Gemma Branca ci ha detto che “L’UNICEF è presente a Cariati dalla metà degli anni’80, ad opera della compianta Nellina Ciccopiedi, che aveva fatto questa esperienza a Bologna, durante gli studi universitari. Lo scopo della raccolta fondi di oggi – conclude la referente – è il linea con la campagna nazionale mirante a sostenere i bambini siriani”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta