16/2/19: PIETRAPAOLA RIVIVRA’ UNA SECOLARE E MISTERIOSA TRADIZIONE

Scorci suggestivi, vestiti di altri tempi, antichi pianti, musiche a suon di brivido e vedove di nero alluttate: il 16 febbraio 2019 alle ore 17.30 l’antico borgo di origine brettia rivivrà l’ormai plurisecolare tradizione del Nannarello  (il video integrale al link sotto riportato https://www.facebook.com/2146545728942745/videos/2207286096160636/?modal=admin_todo_tour )

Grazie al collettivo Abracalabra, che dal 2013 si impegna ad organizzare attività culturali nel territorio pietrapaolese, si celebrerà l’antico rituale che si perde nella notte dei tempi e porta con se un alone di magia. “Vruscinu u nannu” (bruciano il nonno, da qui il nome Nannarello) sono soliti dire gli abitanti del posto. Questo rito risale a molti anni fa, quando si sviluppa la tradizione di bruciare un fantoccio a forma umana, spesso abbellito anche con alcuni vestiti, come rituale magico per scacciare la cattiva stagione e invocare l’arrivo della primavera. Il vecchio rappresenta la miseria, la fame, le disgrazie e il dargli fuoco è bene augurante per il futuro. Ligi al rispetto delle tradizioni, ad attendere il vecchio ci sarà un falò nella piazza centrale dell’antico borgo, attorno al quale, si ballerà a suon di musiche tradizionali.

È facile capire che si tratta di storie rituali di altri tempi che hanno indelebilmente tracciato l’identità di un intero popolo. Una tradizione che da secoli ha fatto del rituale una vera e propria identità. Rituali che cristallizzano le relazioni fra le persone e ne tengono in vita i suoi tratti identitari.

Una iniziativa da non perdere ed un plauso doveroso al collettivo Abracalabra che, col solo contributo dei privati, sta da tempo lavorando alla riuscita dell’evento per il quale si chiede una generosa donazione al seguente link (https://www.paypal.com/pools/c/8bQm7KIqQb?fbclid=IwAR17VECn6wCjFbO8Z6-6CxQE8RjC7Xs_2oEb1_w4ZMAz5BPml5KghoaqLU4)

Vi aspettiamo a Pietrapaola !

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta