Zio spara al nipote.

La Polizia di Stato arresta pluripregiudicato crotonese per tentato omicidio e detenzione di arma da fuoco clandestina.

Nella serata di ieri personale della Squadra Volanti e della Squadra Mobile della Questura di Crotone ha proceduto all’arresto, per i delitti di tentato omicidio e detenzione di arma da fuoco clandestina, di un pluripregiudicato crotonese, ASTERITI Vittorio, classe ’69, già condannato in passato per rapina, spaccio di sostanze stupefacenti, porto e detenzione clandestina di arma da fuoco e resistenza a Pubblico Ufficiale.

In particolare, alle ore 18.00 circa della serata del 29.08.2017, a seguito di segnalazione telefonica giunta su utenza 113, relativa all’esplosione di colpi di arma da fuoco uditi nei pressi del noto quartiere cittadino “Fondo Gesù, la sala operativa della Questura inviava immediatamente sul luogo segnalato gli equipaggi presenti sul territorio che, in pochi secondi, individuavano e bloccavano, all’altezza della II traversa di via Achille Grandi, un soggetto in fuga intento a disfarsi di una pistola.

L’uomo, identificato per ASTERITI Vittorio nato a Crotone il 12/12/1969, ammetteva di aver esploso un colpo d’arma da fuoco in quanto poco prima aveva avuto una discussione con il nipote ASTERITI Salvatore nato a Crotone il 06/06/1980, nei pressi della sua abitazione sita alla via A. Grandi II^ traversa nr. 2.

Pertanto, un altro equipaggio si portava presso quel sito, riscontrando la presenza di tracce ematiche sul suolo nonché di un bossolo; tali elementi venivano cristallizzati da personale della Polizia Scientifica, che effettuava alcune fotografie del “locus commissi delicti” provvedendo altresì a repertare il citato bossolo.

L’uomo veniva pertanto accompagnato presso gli Uffici della Questura e successivamente dichiarato in arresto per i reati di tentato omicidio, detenzione e porto di arma clandestina, ricettazione; in tale circostanza veniva redatta inoltre la prevista comunicazione scritta all’arrestato, ex art. 386 c.p.p.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta