TERRAVECCHIA, ED IL CITTADINO RIPARA LA STRADA PROVINCIALE DA SE.

Chi da sé fa per tre o, meglio, riportandoci alla famosa frase di J. F. Kennedy, “non chiedete quello che l’America può fare per voi, ma quello che voi potete fare per l’America”. E così a Terravecchia, piccolo borgo della Presila cosentina, ad un tiro di schioppo da Cariati, quello che una volta era il grande centro di aggregazione di tutti i Comuni del vasto hinterland, i cittadini, stanchi di aspettare che un segnale arrivasse dall’alto (ove per “alto” s’intendono le stanze della politica) ha fatto di necessità virtù. La ex strada statale 108 Ter, adesso pomposamente denominata Sp (strada provinciale) 260, che collega Cariati a san Giovanni in Fiore, passando per Terravecchia, Scala Coeli, Campana e Savelli, è un autentico colabrodo, fino ad essere addirittura interdetta al traffico dal 2006 (sette anni passati inutilmente) nel tratto Terravecchia – Scala Coeli. Ma ci sono altre porzioni di asfalto impietose, degne del terzo mondo, come quella che da Cariati conduce a Terravecchia. Frane, buche abnormi e lesioni amplissime che non lasciano scampo: percorrere quel pezzo è un azzardo quotidiano per quanti si devono recare alla “Marina”, nel cuore della civiltà. Così, il consigliere comunale Graziano Viola si è armato di santa pazienza ed ha deciso, motu proprio, di fare, in piccolo, quello che dovrebbe essere compiuto istituzionalmente della Provincia di Cosenza, l’Ente che dovrebbe sovraintendere alla strada anche con le consuete manutenzioni che quaggiù, alla periferia dell’impero, e nonostante i proclami dell’assessore provinciale alla viabilità, Arturo Riccetti, sono un miraggio. Con qualche secchio di malta, e tanta disposizione, Graziano ha “riempito” una fenditura pericolosissima che, forse, potrebbe rendere più sicura la circolazione. Certamente il gesto, provocatorio, risponde alla incredibile esigenza che i cittadini hanno di “sentire” le istituzioni locali il più vicino possibile sempre, non solo in piena campagna elettorale. D’altra parte, il buon sindaco di Terravecchia, Mauro Santoro, non appena informato del gesto inconsueto del suo concittadino, ci ha immediatamente informato che la Provincia di Cosenza ha predisposto la totale bitumazione e messa in sicurezza della vitale arteria. Meglio tardi che mai ed allora viva le elezioni.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta