SECONDA TAPPA IMPORTANTE PER IL RIPRISTINO DELL’EX OSPEDALE DI CARIATI.

SOPRALLUOGO DEL REFERENTE DEL COMMISSARIO COTTICELLI PER LA VALUTAZIONE DEI LUOGI.
CONTINUA LA SPERANZA…
Nella giornata di oggi, mercoledí 10 giugno, é stato effettuato un sopralluogo delle strutture  dismesse del Vittorio Cosentino, conseguentemente all’incontro avvenuto il 5 maggio, presso la Cittadella Regionale della Calabria con il Commissario ad acta per il piano di rientro, Gen. Saverio Cotticelli. E in tale occasione, il Commissario ha inviato il dr. Calderara, come suo referente, per fare una ricognizione dello stato dei luoghi e delle strumentazioni. All’incontro erano presenti, anche l’on. Giuseppe Graziano, il dr. Cataldo Formaro e alcuni appartenenti al Comitato Uniti nella Speranza.
Un altro piccolo passo che alimenta  la speranza di vedere riaperto l’Ospedale pubblico di Cariati.
Una giornata molto positiva per la mission intrapresa, unica nota dolente,  la reazione scomposta – che non trova giustificazione alcuna – da parte di un dipendente medico del presidio ospedaliero di Cariati, che ha aggredito i presenti in maniera ingiustificata con un linguaggio violento, minaccioso e scurrile. Ovviamente il comportamento apertamente provocatorio non ha condizionato il lavoro di ricognizione del funzionario! Tali nefandezze, e condotte riprovevoli del medico succitato, saranno segnalate alle opportune Autorità competenti.
Comunque, a parte questa negativitá, il sopralluogo ha fatto riscontrare un buon riscontro rispetto all’efficienza e all’efficacia.
Tutto questo ci fa ancora ben sperare, e soprattutto, continuare nella volontà democratica di difendere e tutelare il diritto sacrosanto alla salute. E NESSUNO, SINGOLO O GRUPPO CHE SIA; NESSUNA BECERA, SUBDOLA, E  DELINQUENZIALE AZIONE  INTIMATORIA E OSTATIVA
POTRÁ MAI FERMERCI.
Esprimiamo la nostra solidarietá al componente del Comitato  uniti Speranza, rimasto lievemente ferito in quella triste pagina della positiva giornata di oggi.
IL COMITATO UNITI NELLA SPERANZA
Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta