RINEGOZIAZIONE MUTUI, IL CONSIGLIO APPROVA

RINEGOZIAZIONE MUTUI, IL CONSIGLIO APPROVA SI RECUPERANO 67 MILA EURO DI RISORSE CULTURA, SERO: INVESTIMENTI, NO“SOLDI MANGIATI” CARIATI, Venerdì 19 Novembre 2010 – Rinegoziazione mutui cassa, il Consiglio Comunale, riunitosi ieri (Giovedì 18 Novembre) a Palazzo Venneri ha approvato il punto, dopo l’abbandono dei lavori, ormai ciclico, da parte della minoranza. – Investimenti in cultura, non “soldi mangiati”. In 5 anni – interviene il Sindaco – abbiamo proficuamente investito nella promozione socio-culturale e turistica di Cariati. Con risultati diversi, tangibili ed evidenti nel territorio, in Calabria e fuori. Con apprezzamenti e riconoscimenti unanimi, tranne ovviamente che da parte di quanti amano la polemica sul nulla, pur consapevoli di non aver prodotto nulla, negli anni precedenti, in tema di cultura e promozione turistica cittadina. Il punto è stato approvato all’unanimità dalla maggioranza. I consiglieri di minoranza, come accaduto altre volte, hanno abbandonato l’aula prima della discussione e votazione. Sul punto all’ordine del giorno ha relazionato l’Assessore al Bilancio Domenico STRAFACI che ha informato l’Assise sull’evidente vantaggio ottenuto per l’ente. Attraverso tale operazione, infatti, il Comune recupera 67 mila Euro di risorse di bilancio che potranno essere utilizzati per nuovi investimenti dal 2011 a beneficio della collettività producendo un miglioramento dei servizi. Sono intervenuti l’Assessore alle Politiche Sociali Filippo ASCIONE, il Consigliere Leonardo TRENTO e il Sindaco che hanno espresso apprezzamento per il lavoro svolto dall’Assessore STRAFACI e hanno rimarcato l’importanza della scelta. <>. – Esordisce così il Sindaco rigettando ancora una volta il tentativo vano e strumentale di parte dell’opposizione di disinformare e svuotare di senso e contenuto strategie, risorse, energie ed intelligenze messe in questi anni a fattore comune per la crescita, documentata, dell’immagine complessa di Cariati, ben oltre il territorio. <

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta