PESCA DEL ROSSETTO E CICERELLO

“Permane il divieto di pesca del bianchetto”

La Capitaneria di porto informa che con Decreto Ministeriale del 28 dicembre 2015, il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ha dato facoltà alle imprese titolari delle imbarcazioni indicate all’allegato A dello stesso decreto, di produrre apposita istanza volta ad ottenere una autorizzazione alla pesca del rossetto (Aphia minuta) e del cicerello
(Gymnammodites cicerelus).
Dalla lettura del disposto normativo si evince come solo le unità che saranno autorizzate dalla Direzione generale della pesca marittima e dell’acquacoltura potranno esercitare tale tipologia di pesca con la sciabica da natante e la rete a circuizione senza chiusura, in deroga alla normativa inerente la dimensione minima della maglia della rete e della distanza minima della costa e solo fino al 15 aprile 2016.
Permane, invece, il divieto di pesca del novellame di sarda e alice, cd. bianchetto o sardella. Tale divieto, sancito dal Regolamento dell’Unione Europea 1937/2006, è giustificato dal fatto che, sebbene predette specie ittiche siano molto simili, quando si parla di bianchetto o sardella ci si riferisce a novellame di sarda e alice e, quindi, ad esemplari in età giovanile. Il rossetto ed il cicerello, invece, sono specie ittiche molto piccole che mantengono una piccola taglia anche in età adulta.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta