Il Consiglio Comunale di Cariati si è riunito: Approvato il bilancio di previsione per il 2013.

Il Consiglio Comunale di Cariati si è riunito, presieduto da Cataldo Minò, per deliberare, tra l’altro l’approvazione del bilancio di previsione per il 2013; quello pluriennale 2013/2015, le tariffe dei prezzi pubblici per il 2013 e l’imposta IMU. Figuravano assenti i consiglieri Domenico Strafaci e Filomena Greco. In avvio di seduta, il Sindaco Filippo Sero, nelle comunicazioni, ha detto, tra l’altro, che la sospensione della raccolta dei rifiuti, che sta provocando non pochi disagi alla popolazione, si è verificata a causa di una frana che ha impedito il conferimento nella discarica di Pianopoli; ha pre assicurato che il problema si risolverà entro qualche giorno. Durante la discussione del punto che riguardava l’imposta IMU, Francesco Cosentino, capogruppo U.D.C, ha fatto notare che il Consiglio Comunale non può deliberare l’aumento dell’ IMU il 19 dicembre, perchè la delibera doveva essere adottata entro il 30 novembre scorso e pubblicata entro il 9 dicembre, sul sito del Comune, per cui – Cosentino – ritiene illegittimo il provvedimento che si vuole adottare. Anche Sergio Salvati, già consigliere di maggioranza, è dello stesso avviso di Cosentino, il quale ha tenuto a precisare che in tempo utile, aveva invitato il Sindaco a convocare il Consiglio per determinare la nuova aliquota IMU, ma nessuno ha dato seguito alla sua richiesta. L’altro consigliere di minoranza Mario Sero conferma il pensiero di Salvati e accusa aspramente il primo cittadino di “Fare sempre di testa propria, nonostante i fallimenti amministrativi prodotti, che non vuole riconoscere e scarica la colpa del suo insuccesso amministrativo su alcuni dirigenti comunali che non collaborano con la giunta”. Leonardo Trento, capogruppo della maggioranza, capisce i rilievi mossi dalla minoranza e dichiara che “Ogni discussione che andremo a fare sull’IMU è del tutto inutile, perché l’elevazione dell’aliquota doveva essere deliberata entro il 9 dicembre 2013, per cui propongo di lasciare le aliquote invariate in vigore dall’anno 2012”. La proposta, nata dalla minoranza e fatta proprio da Trento, viene approvata all’unanimità. Per ciò che riguarda, poi, l’approvazione del bilancio annuale e poliennale, dopo una lunga e abbondante disamina dell’assessore al ramo Leonardo Celeste e gli interventi di tutti i gruppi, il bilancio passa votato soltanto dai consiglieri di maggioranza, contrari all’approvazione: Salvati, Sero e Cosentino.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta