GESTIONE ESTERNA COMUNICAZIONE. NO ADDETTO STAMPA

CARIATI (Cs), Lunedì 20 Febbraio 2012 – Non vi è alcun addetto stampa, né ufficio stampa né portavoce istituiti presso il Comune di Cariati. Diversamente, e come accade in altri enti locali anche del territorio, l’Amministrazione ha affidato all’esterno, ad una società specializzata, la gestione dei servizi di comunicazione. Nessun ufficio stampa, nei circa 8000 comuni italiani, comunica anche per i consiglieri comunali, di maggioranza o di opposizione. Nessuna censura, dunque, nelle sedute consiliari; soltanto una normale selezione funzionale di contenuti ad uso interno. – Più in generale, in questi anni, è migliorata la percezione e diffusione dei fatti amministrativi nell’opinione pubblica locale, inclusa la dialettica politica maggioranza-opposizioni pro tempore. E’ quanto ha ribadito l’Avv. Lenin MONTESANTO, amministratore unico della MONTESANTO Sas, società rossanese di comunicazione & lobbying, affidataria dei servizi di comunicazione istituzionale anche del Comune di Cariati, intervistato nello studio 2 di Cariatiweb dal giornalista Pasquale LOIACONO. L’INTERVISTA INTEGRALE È SU CARIATIWEB/YOUTUBE http://www.youtube.com/watch?v=l7JI45yqWW0&feature=youtu.be MONTESANTO ha colto l’occasione anzi tutto per fornire utili chiarimenti rispetto a talune imprecisioni emerse nel corso dell’intervista al consigliere comunale di minoranza Mario SERO. Spiegata la differenza, voluta dal legislatore, tra le distinte figure del Portavoce e dell’addetto stampa, quest’ultimo all’interno di un ufficio stampa coordinato dal Capo Ufficio Stampa, MONTESANTO si è poi soffermato su quella viene considerata la più importante tra le conquiste della Legge 150 del 2000 (Disciplina delle attività di informazione e comunicazione delle pubbliche amministrazioni): l’aver cioè qualificato come obbligatoria l’attività di comunicazione per l’ente pubblico. Comunicare, per un comune, è un dovere, non un lusso! Una addetto stampa – è stato poi ricordato – veniva formalmente nominata qualche anno fa dalla Giunta ARCUDI, della quale faceva parte lo stesso ex assessore Mario SERO. Fu, tuttavia, un caso isolato. Successivamente, infatti, non da addetto stampa, ma come responsabile della comunicazione istituzionale dell’ente, figura esterna più autonoma rispetto all’inquadramento nel tradizionale ufficio stampa, veniva incaricato, come professionista, lo stesso MONTESANTO: sia dalla Giunta ARCUDI che dalla prima Giunta SERO. In ogni caso, dal 2008, al rapporto con questa figura è stata sostituita la gestione esterna affidata ad una società. Il che configura un rapporto analogo a tutti gli affidamenti esterni di servizi da parte di un comune. Ovunque in Italia, ma basta verificare anche nel nostro territorio – ha spiegato MONTESANTO – per comunicazione dell’Amministrazione Comunale si intende, pacificamente, quella promanante dall’Esecutivo o dagli uffici. In comuni di più grandi dimensioni oppure in enti sovra comunali, come accade, ad esempio, per l’Amministrazione Provinciale di Cosenza o per la Regione Calabria, agli uffici stampa delle rispettive Giunte si aggiungono, con altrettante e diverse risorse umane e finanziarie, anche uffici stampa dei rispettivi consigli. In questi casi, la rendicontazione pubblica delle sedute è doverosa, seppur non obbligatoria, né del resto frequente. La MONTESANTO Sas, in ogni caso, non è tenuta a rendicontare, a mo’ verbale d’assemblea, gli interventi dei consigli comunali ai quali, dei propri collaboratori (che non sono addetti stampa!) assistono solo per implementare contenuti utili all’ordinaria attività di comunicazione istituzionale. Gli estratti video registrati in occasione delle diverse sedute, attraverso una selezione discrezionale nel rispetto di un equilibrio delle posizioni misurato sull’economia di un comunicato stampa, hanno essenzialmente funzione d’archivio dati e dichiarazioni, anche quando vengono diffusi sul web. Per restare all’ultimo consiglio comunale di Cariati, citato dal consigliere SERO – ha aggiunto MONTESANTO – non è stato registrato/diffuso neppure quello del Presidente del Consiglio Leonardo TRENTO.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta