EUROPA, CARICABATTERIA UNIVERSALE: MENO RIFIUTI

EUROPA, CARICABATTERIA UNIVERSALE: MENO RIFIUTI TELEFONI, ACCORDO TRA COMMISSIONE E PRODUTTORI SODDISFATTO TAJANI: PRESTO I CELLULARI COMPATIBILI FONTE: NEWSLETTER DELLA RAPPRESENTANZA IN ITALIA DELLA COMMISSIONE EUROPEA N.1155 3 GENNAIO 2011 Su mandato della Commissione europea, gli organismi europei di normazione CEN-CENELEC e ETSI hanno reso disponibili gli standard tecnici armonizzati necessari alla produzione di cellulari compatibili con un nuovo caricabatterie universale. Il caricabatterie universale semplificher la vita agli utenti, produrr meno rifiuti e andr anche a vantaggio delle imprese. Tali norme tecniche costituiscono la fase finale del processo di armonizzazione finalizzato alla realizzazione di un carica-batterie universale per i cellulari che la Commissione europea aveva avviato nel giugno 2009 con l’accordo tra quattordici grandi produttori di telefoni cellulari venduti nell’Unione europea. Antonio Tajani, vicepresidente e commissario europeo per lindustria e limprenditoria, ha dichiarato: “Sono lieto che gli organismi europei di normazione abbiano soddisfatto la nostra richiesta di elaborare in tempi brevi gli standard tecnici necessari per produrre un caricabatterie universale per cellulari, basandosi sui lavori gi avviati dall’industria in questo campo. Spetta ora a questultima mantenere il proprio impegno di vendere telefoni cellulari compatibili con il nuovo caricabatterie. Il fatto che i carica-batterie per telefoni cellulari non siano compatibili non solo un grosso inconveniente per gli utenti, ma costituisce anche un grande problema ambientale. Gli utenti che desiderano cambiare telefono cellulare devono generalmente comprare un nuovo caricabatterie ed eliminare quello vecchio anche se in buone condizioni. In risposta alla richiesta dei consumatori di disporre di un caricabatterie universale, la Commissione ha invitato i produttori ad accordarsi su una soluzione tecnica che rendesse compatibili i caricabatterie delle diverse marche. Le principali imprese produttrici si sono dunque impegnate a garantire la compatibilit del nuovo caricabatterie, grazie al connettore micro-USB, con tutti i cellulari “data-enabled” (ossia quelli collegabili a un computer), che secondo le previsioni entro due anni domineranno il mercato. L’accordo stato firmato nel giugno del 2009 da Apple, Emblaze Mobile, Huawei Technologies, LGE, Motorola Mobility, NEC, Nokia, Qualcomm, Research in Motion (RIM), Samsung, Sony Ericsson, TCT Mobile (ALCATEL), Texas Instruments e Atmel (IP/09/1049). Con l’elaborazione delle norme tecniche europee per un caricabatterie universale, gli organismi europei di normazione CEN-CENELEC e ETSI adempiono al mandato loro affidato dalla Commissione europea nel dicembre del 2009. Le norme consentono l’interoperabilit, ovvero l’utilizzo con telefoni GSM di diverse marche, ma tengono anche conto anche dei rischi per la sicurezza e delle emissioni elettromagnetiche nonch della protezione da interferenze esterne. La Commissione europea prevede che i primi caricabatterie universali e i primi telefoni cellulari compatibili con le nuove norme tecniche saranno disponibili sul mercato europeo entro i primi mesi del 2011. Per ulteriori informazioni: http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/rtte/chargers/index_en.htm

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta