E al Dipartimento Emergenza e Accettazione di Cosenza Guccione e Laratta trovano i cancelli sbarrati!

E al Dipartimento Emergenza e Accettazione di Cosenza (inaugurato sabato scorso da Scopelliti), Guccione e Laratta trovano i cancelli sbarrati! Stamane, subito dopo la visita al Centro di Ricerca di Aprigliano, gli onn Laratta e Guccione si sono recati al D.E.A. Di Cosenza. Una struttura di primaria importanza per l’emergenza, inaugurata in pompa magna del Presidente Scopelliti nella giornata di sabato scorso. Ma la sorpresa è stata grande nel vedere e toccare con le proprie mani, che il DEA non solo non è pronto per entrare in funzione (siamo ormai alla terza inaugurazione!), quanto sono stati trovati i cancelli chiusi con lucchetti, e tutte le porte interne chiuse a chiave. Impossibile accedere al DEA perfino dall’interno dell’Annunziata! In diversi punti, inoltre, si notano lavori in corso, pezzi di vetri, impalcature e materiale vario! Per quanto è stato riferito stamane a Guccione e Laratta, le chiavi dei lucchetti sono nelle mani dell’impresa che esegue i lavori. Per cui, la struttura non è stata nemmeno ultimata, per cui la consegnata all’Azienda Ospedaliera non è mai avvenuta. Ci troviamo a tutti gli effetti davanti ad un vero e proprio cantiere. Per Laratta e Guccione: ”E’ veramente offensivo per i pazienti calabresi, assistere alla farsa di continue inaugurazioni di strutture pubbliche nemmeno ultimate, mentre trovare un posto per il ricovero in un ospedale calabrese è davvero un miraggio. E’ offensivo per i medici ed il personale sanitario costretto a lavorare in condizioni pietose. E’ offensivo per i calabresi tutti, costretti ad assistere alle solite passerelle elettorali di Scopelliti e del Centrodestra, responsabile del profondo degrado in cui versa la Sanità in Calabria. Ci chiediamo se non ci siano i margini per denunciare il presidente-commissario ad acta Scopelliti, per utilizzo di mezzi e risorse pubbliche ai fini di mera propaganda elettorale.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta