DISSESTO IDROGEOLOGICO, TORCHIA A CARIATI

CARIATI (Cs), Venerdì 16 Marzo 2012 – Dissesto idrogeologico e danni causati e peggiorati dalle abbondanti precipitazioni delle scorse settimane. È il centro storico a destare maggiori preoccupazioni per movimenti franosi e smottamenti in corso. È, questa, la situazione descritta e mostrata, da vicino, al Sottosegretario alla Presidenza Regionale con delega alla Protezione Civile Franco TORCHIA, a Cariati, questa mattina,per un sopralluogo nel territorio. L’elicottero della Regione Calabria, con a bordo il sottosegretario TORCHIA, ha fatto scalo nell’area portuale di Cariati, intorno alle ore 11. Qui, ad accogliere lui e l’ing. Edoardo D’ANDREA, Responsabile Prevenzione dei Rischi della Regione Calabria ed il dott. Gaetano RIZZUTO, Responsabile dell’Unità Operativa di Cosenza, c’erano il dirigente comunale dell’area tecnico-urbanistica e capo della Protezione Civile Antonio DELL’ANNO, l’assessore comunale all’ambiente Sergio SALVATI ed il Sindaco Filippo SERO. Dai fenomeni franosi di Rione Valle e Vignola, visibili dalla salita nei pressi del monumento ai caduti, alle località Palumbo S.Andrea, da Cozzo di Monaci fino a Località Locula Brica. Sono, questi, i punti di maggiore criticità interessati da movimenti franosi e smottamenti per i quali è stata richiesta l’attenzione di TORCHIA. La tappa del Sottosegretario alla Presidenza Regionale con delega alla Protezione Civile, nel territorio di Cariati, così come negli altri comuni della Sila Greca e del Basso jonio, fa seguito all’incontro dei Sindaci tenutosi, nei giorni scorsi, presso la Prefettura di Cosenza. Il Sindaco Filippo SERO ha espresso soddisfazione e ha manifestato la propria gratitudine e della comunità amministrata per l’impegno rispettato, in tempi brevi, da parte del sottosegretario TORCHIA di recarsi sul posto, per verificare di persona, lo stato dei luoghi. “Confidiamo – dichiara il Primo Cittadino – di iniziare un percorso di ricerca per reperire fondi e finanziamenti strumentali agli interventi di cui necessita, con urgenza, l’intero territorio, pur nella consapevolezza delle ristrettezze economiche”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta