DISCARICA S.COELI,QUANTE FALSITÀ!

Rossano (Cs), Sabato 4 Febbraio 2012 – “Storia di un pasticcio all’italiana, problemi giuridici, vicenda poco chiara ai limiti della legalità, falsa attestazione della realtà luoghi, vicinanza ai centri abitati, tonnellate di veleno in arrivo, amianto, numerose irregolarità, scempio da far pagare ai cittadini, ‘ndrangheta, guadagni di una cricca, danni all’economica del luogo fondata su biologico e turismo, etc”. Con una irresponsabilità ed una gravità che ormai ha superato tutti i limiti di buon senso, di sopportazione e di tolleranza della più aspra critica e libertà di opinione, parole e aggettivi usati da qualche sedicente comitato e letti in questi giorni sulla stampa, per tentare di infangare la Bieco e la discarica nel territorio di Scala Coeli, rappresentano un cumulo di vergognose accuse e di dichiarazioni tutte, nessuna esclusa, fondate sul nulla, prive di qualsiasi aggancio e riscontro con la realtà dei fatti, con le documentazioni esistenti e con tutte le procedure legali imposte e scrupolosamente rispettate. Il tentativo al quale si sta assistendo in questi giorni, messo in atto da qualcuno, è quello di allarmare le popolazioni sulla base di ricostruzioni false e volutamente viziate, dando in pasta agli operatori di informazione dati e notizie per le quali non esiste alcuna fonte attendibile, verificabile e documentata: siamo all’invenzione vera e propria, impropriamente usata come arma mediatica, tentando di far leva sulle fisiologiche preoccupazioni della gente, ma solo ed esclusivamente per creare polveroni e polemiche e, forse, per auto-accreditarsi ed auto-celebrarsi come fondamentalisti, a parole, della tutela ambientale. Non è più tollerabile che basti una sigla su foglio di un comunicato stampa relativo ad un sedicente comitato o ad una rete di cui non si conoscono numeri, dati, costituzione, credibilità e responsabili, per costruire campagne di terrorismo psicologico fondate sulla confusione forzata tra questioni diverse, sul sospetto, sulle insinuazioni, su interrogativi, su ipotesi, teoremi e con congetture degne dei peggiori periodi bui della ragione e della storia. Riservandosi di adire, con immediatezza, tutte le vie legali consentite per porre fine, non certo alla libertà di opinione di chiunque, ma alla diffamazione a mezzo stampa, reiterata e sistematica di quanti hanno il sacrosanto dovere, prima di parlare e diffondere, di verificare, provare e documentare, rispetto all’opinione pubblica, tutte le nefandezze e assurdità di cui si rendono verbalmente protagonisti e latori, nel respingere, nel merito e nel metodo, sproloqui e soliloqui privi di qualsiasi credibilità ed autorevolezza ai quale da giorni, sulla stampa e sul web, vengono costretti i cittadini della Sibaritide, la BIECO Srl coglie l’occasione per ricordare e ribadire: 1. il rifiuto sistematico, registrato purtroppo fino ad oggi, di ogni forma di dialogo e confronto con la Società che, come è noto e documentato, a più riprese, ha richiesto e ripetuto l’opportunità di un confronto trasparente e responsabile, senza apriorismi, sul merito di una opera provvista di tutte le autorizzazioni necessarie e prescritte dalla legge a tutela del territorio, della salute e dell’ambiente; 2. a proposito di iter giudiziari e presunti quanto inesistenti problemi giudiziari, il pronunciamento del TAR Calabria (mai citato negli sproloqui di comitati e reti) che ha ritenuto infondata l’ordinanza di sospensione dei lavori emessa, mesi addietro, dal Comune di Scala Coeli.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta