DA CROTONE A CARIATI PER AVVICINARE I “LONTANI”

DA CROTONE A CARIATI PER AVVICINARE I “LONTANI” Nella parrocchia “Cristo Re” le catechesi serali rivolte a giovani e adulti CARIATI – Il cammino neocatecumenale come risposta al bisogno di avvicinare i “lontani”. Questo uno dei motivi che ha spinto la comunità parrocchiale di “Cristo Re” ad avviare la missione cittadina con una serie di incontri, iniziati lunedì 8 novembre e che dureranno circa due mesi, rivolti ai giovani e agli adulti di Cariati. Si tratta di un ciclo di catechesi, tenute da un’èquipe proveniente dalla terza comunità di San Francesco di Crotone affiancata dal parroco di “Cristo Re” don Mosè Cariati, in cui i partecipanti potranno prendere coscienza dell’amore di Dio nei loro confronti per poi, liberamente, aderire alla proposta di intraprendere un percorso di autentica formazione cristiana. “Seguendo le indicazioni del nostro padre arcivescovo, mons. Santo Marcianò – ha dichiarato don Mosè Cariati – di dedicare, cioè, un intero anno all’importante ruolo dei laici all’interno della Chiesa e di coltivare e sostenere le aggregazioni laicali nate all’interno delle parrocchie, questa nuova forma di evangelizzazione porterà più gente possibile ad impegnarsi in un serio cammino di conversione e di riscoperta del proprio battesimo; inoltre – ha proseguito – d’accordo con i catechisti responsabili abbiamo deciso di dare un maggiore impulso e vigore alle comunità neocatecumenali presenti nell’esperienza di Cristo Re dal lontano 1985”. Comunità che sono state incontrate più volte dallo stesso Arcivescovo di Rossano- Cariati e che le ha definite “una risorsa incredibile per tutta la diocesi, un tesoro nascosto su cui contare”. Anche Paolo VI aveva precisato come il Cammino sia un esempio dei “frutti del Concilio”, mirante “all’autenticità, alla pienezza, alla coerenza, alla sincerità della vita cristiana”. Dal canto suo, Giovanni Paolo II ne parlò come di un “itinerario di formazione cattolica valido per la società e i tempi odierni”. Benedetto XVI ha conosciuto il Cammino quando era professore a Tubinga attraverso alcuni studenti e, favorevolmente impressionato, ha aiutato ad introdurre questa esperienza in Germania, guidando il processo che ha portato recentemente all’approvazione definitiva degli Statuti. I Giovani e le famiglie di Cariati hanno ricevuto l’invito “porta a porta”, poi anche attraverso una solenne fiaccolata animata dai cantori di Crotone e Cariati e scandita, nelle varie tappe, dalle stazioni della Via Crucis e da toccanti esperienze di vita vissuta di alcuni “fratelli” di San Francesco.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta