Convocato il Consiglio Comunale di Cariati. Analisi critica del capogruppo dell’UDC consiliare, dr. Francesco Cosentino.

Il Presidente del Consiglio Comunale di Cariati, dr Cataldo Minò, ha convocato l’Assisse Comunale per il 17 dicembre 2013 alle ore nove, nel caso di diserzione della seduta il Consiglio si intenderà, si legge nella nota del Presidente del Consiglio, riunito in seduta di seconda convocazione per giorno 19-12-2013 alle ore 14,30 per la trattazione dei seguenti argomenti: 1)Comunicazioni del sindaco; 2)Risposte ad interrogazioni; 3)Approvazione verbali seduta precedente; 4)D.LGS N.267/2000-art.172-comma 1-lett.C-Are-Determinazioni; 5)Tariffe e prezzi pubblici per il 2013: 6)Approvazione relazione previsionale e programmatica al bilancio 2013; 7)Approvazione bilancio di previsione 2013: 8)Approvazione bilancio pluriennale2013/2015. La seduta consiliare si effettuerà certamente in seconda convocazione. Ne spieghiamo la motivazione. Un escamotage a causa del recepimento di un ricorso presentato dalle minoranze al Consiglio di Stato, in ordine al numero legale dei consiglieri comunali che rende efficace l’assemblea civica. Lo Statuto Comunale prevede che per essere valido al Consiglio di prima convocazione siano presenti almeno otto consiglieri,primo cittadino escluso. In seconda convocazione, come quello determinato dal Presidente del Consiglio per il 19/12/2013, saranno sufficienti 6 consiglieri. La maggioranza consiliare, che inizialmente era rappresentata da otto consiglieri, ha perso lungo il cammino due elementi, di cui uno, il rag.Domenico Strafaci, non ha mai partecipato ad una sola seduta consiliare; l’altro rappresentante, l’ex assessore all’Ambiente Sergio Salvati, si è posto successivamente al di fuori della maggioranza per vedute divergenti con gli altri componenti della giunta. Pertanto l’attuale maggioranza, a guida Filippo Sero, non potrà mai deliberare in prima convocazione, non avendone il numero dei consiglieri necessari. ”Come è ormai consuetudine nell’azione amministrativa comunale, anche questa volta così come ordinariamente è avvenuto in passato, puntualizza il solerte capogruppo dell’UDC consiliare Francesco Cosentino, questa Amministrazione comunale non ha ancora, e si è al 10 dicembre 2013, approvato la relazione previsionale e programmatica al bilancio 2013 nonché lo stesso bilancio pluriennale 2013/2015 nei termini di legge, dimostrando giorno dopo giorno di non meritare di amministrare la cittadina di Cariati, perché non ne è in grado e di avere un inesistente senso delle istituzioni e della legalità”. Le delibere sull’IMU che dovevano essere approvate entro il 30/11/2013, di cui ad oggi, 10 dicembre, si disconosce l’esistenza, verranno applicate dopo la scadenza del 16/12/2013, con l’aggravio di spese a danno dei cittadini cariatesi. ”L’incapacità della Giunta municipale cariatese, evidenzia, a chiare lettere, il rappresentante del partito di Casini, dr. Francesco Cosentino, ha gravemente danneggiato non solo le casse del Comune, ma anche l’immagine stessa della cittadina, carente soprattutto per la carenza di tutti i servizi essenziali”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta