Comunicato stampa Infopoint 5 stelle Cariati . Il territorio non ha bisogno di questa ennesima discarica

Molon labe

Già nel 510 a.C. la valle del Nicà fu terreno di battaglie feroci fra Kroton e SYbaris.
Battaglia che portò alla distruzione di Sibari su idea di Pitagora che fece deviare il corso del fiume Crati affinchè Sybaris fosse sommersa.
A distanza di più di 2 millenni un’altra battaglia, a pochi chilometri dalla foce del Nicà, sembrerebbe finita, quella per l’ampliamento della già discarica di Pipino( nella valle del Nicà).
Sembra finità perchè, giorno 20 c.m., quello che pareva eticamente impossibile, è accaduto.
Siamo stati informati che il Dipartimento Ambiente e Territorio (AT) della Regione Calabria aveva assunto la decisione, con Decreto Dirigenziale NRD 1282, dava il via all’ampliamento.
Decisione che ci ha lasciato sgomenti. Sono anni che cerchiamo, insieme ad altre organizzazioni sul territorio non solo di evitare l’ampliamento, ma di chiudere e bonificare quella già esistente.
La valle che circonda questo ecomostro è spettacolare, si apprezza quello che acqua, terra, sole e il sudore delle persone che lavorano riescono a produrre.
Una valle dove si alleva la mucca Podolica, Olio e frutta a marchio Dop, Vini pregiati ma soprattutto benessere per la salute e per i piccoli e medi imprenditori agricoli che su quei pezzi di terra hanno investito non solo soldi ma anche il loro futuro.
Un futuro certamente diverso da quello che la classe dirigenziale Calabrese vuole realizzare su questo territorio.

Noi, attivisti del Movimento 5 Stelle di Cariati, crediamo che un futuro diverso è possibile.

L’ultima cosa di cui il territorio ha bisogno è di questa ennesima discarica. A noi dei tecnicismi e di come una ditta sia riuscita ad avere questa autorizzazione, soprattutto da parte di chi diceva “discariche zero”, non ci interessa.
L’unica cosa che siamo certi è che non è finita.
Siamo pronti a tutto affinchè questo stupro ai nostri luoghi non sia perpretato e, politicamente, chiediamo a TUTTI i nostri rappresentanti parlamentari di esprimere una ferma opposizione (non solo a mezzo social) a questo scempio.

Cominciando quindi dal Ministro dell’Ambiente Costa che attendiamo, come da sua dichiarazione, nella città di Crotone ormai da qualche mese, facciamo appello a tutti i nostri portavoce, soprattutto da quelli che, essendo stati presenti a numerose manifestazioni, conoscono già le problematiche.

È difficile vincere contro chi non si arrende mai…Molon labe

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta