CALCIO: Importante test per la Cariatese circa la salvezza contro il coriaceo Casabona

Oggi, mercoledì 19 febbraio, contro il Casabona, partita di recupero del due febbraio non disputata per impraticabilità del campo, la Cariatese deve mirare decisamente ad un risultato positivo, se davvero intende conseguire l’obiettivo della salvezza. Al difficile test mancheranno, in un colpo solo, tre dei rinforzi del dicembre scorso, elementi su cui il dimissionario tecnico Franco Caruso aveva puntato per migliorare la propria compagine, due dei quali squalificati perché espulsi durante la gara contro il Cariati. I deprecabili episodi, verificatisi nel derby con il Cariati, oltre ad avere mortificato lo sport puro e il numeroso pubblico presente, penalizza non poco la squadra del presidente Giuseppe Matera, in vista dell’incontro odierno contro la compagine del Casabona. ”Cosa volete che sia una sconfitta, afferma lo sportivissimo massimo dirigente, dopo le ultime buone prestazioni dell’intero collettivo?”. Giuseppe Matera sradica così sul nascere i dubbi dei propri sostenitori più pessimisti, che domenica scorsa, al termine del derby, hanno abbandonato lo stadio comunale con una visione praticamente negativa sulla possibile salvezza della propria squadra del cuore. Certo perdere una partita con un pesante passivo e nel modo come si è perso non è certamente piacevole, ma innescare già il “de profundis” per le speranze dei giovani nerazzurri è praticamente errato. ”Noi puntiamo ancora a salvarci direttamente, afferma con decisione il presidente Giuseppe Matera, anzi non pensiamo di raggiungerla con i play out; chiamo l’intera rosa a reagire prontamente. Sono sicuro che tutti i ragazzi sapranno reagire nel miodo più positivo e lo faranno a partire da oggi, in occasione del difficile test con il forte Casabona”. Il presidente non si ferma solo a queste considerazioni, e con molta sportività esterna alcune importanti e significative considerazioni sul derby di domenica scorsa. ”Chiedo, a nome dell’intera società e mio personale, puntualizza con decisione il presidente Giuseppe Matera, scusa ai giocatori del Cariati e mi riferisco ai vari Apicella, Izzo, Castrignanò e Lombisani che non hanno minimamente reagito al gioco duro di alcuni miei ragazzi, evidenziando correttezza e massima sportività. Un ulteriore ringraziamento va al nostro dimissionario allenatore Franco Caruso, che si è sempre impegnato in maniera professionale a favore dei nostri colori sociali”. La Cariatese affronterà quest’oggi l’impegnativa partita con la massima tranquillità, ma determinata a conseguire un risultato positivo che possa parmetterle un passo in avanti verso la tanto agognata permanenza nel campionato di prima categoria. Per l’impegnativo confonto con il Casabona, ben diretto dal tecnico Barbuto e dove vi militano due elementi di provato valore della cittadina di Cariati, quali Antonio Covello e Giuseppe Patera, non ci è stato comunicato la formazione che scenderà sul terreno di gioco; non saranno della partita il portiere Giuseppe Boccia ed il fluidificante Francesco Boccia in quanto squalificati ed il centrocampista Angelo Russo per motivi di lavoro. La società, viste le dimissioni irrevocabili del tecnico Franco Caruso, ha assunto quale nuovo allenatore l’ex trainer del Cariati Calcio: Antonio Cosentino.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta