A ROSSANO FALLITO IL CENTRO SINISTRA

A ROSSANO FALLITO IL CENTRO SINISTRA TUTTI, IN QUESTI ANNI, CON LE MANI IN PASTA IL PDL HA LE IDEE CHIARE SU NOMI, ALLEATI E METODI ROSSANO, Venerd 7 Gennaio 2011 FILARETO, come BERNAUDO a Rende e come PERUGINI a Cosenza. Tre sindaci uscenti del centro sinistra che non saranno ricandidati per conclamato fallimento totale delle tre amministrazioni comunali mal governate in questi 5 anni. A confermare la fotografia di questa catastrofe politica ed amministrativa, da quanto si appreso, stato lo stesso centro sinistra provinciale. Ma attenzione: fallimentare non stato un sindaco o una giunta, ma la sinistra nel suo complesso e lincapacit di governare i territori. In questo quadro, chiarissimo nella sua negativit, lunico che a quanto pare proprio non vuol rendersi conto del proprio malgoverno il Sindaco di Rossano. Su una sua ipotetica nuova canditura lo stesso PD, a livello regionale e provinciale, ha espresso un veto assoluto: FILARETO rappresenta il fallimento totale ed quindi impresentabile agli elettori. Eppure, nonostante questa bocciatura interna e senza appelli, e che conferma quanto il PDL sostiene dal 2006, il Primo Cittadino abbandonato ormai da tutti, sconfessato da alleati e compagni di partito, appare ancora in tv, intento a raccontare di una Rossano inesistente, di opere fantasma e di successi e glorie personali che nessuno, compreso il suo stesso partito, gli riconosce. Il delirio ormai irrefrenabile. Pi intollerabile del solito! Sulle televisioni locali, infatti, continuano ad essere trasmesse le conferenze stampa di fine anno di un Sindaco che si dipinge Napoleone, cieco rispetto al degrado prodotto e rispetto alla sconfessione pubblica da parte della gente e della sua stessa coalizione. Su un aspetto, tuttavia, necessario esser chiari fino in fondo: il fallimento rossanese che oggi certifica anche il PD provinciale non n pu essere fatto passare, soltanto, come il fallimento personale di FILARETO. Perch non cos. A Rossano fallito il progetto del centro sinistra. Qualcuno non si illuda: qui non cera un generale, oggi messo fuori gioco. FILARETO non mai stato n Sindaco n generale, con o senza esercito. Il fallimento del centro sinistra rossanese quello di tutta la Giunta, assessore dopo assessore, consigliere dopo consigliere, nessuno escluso. La fine di oggi quella annunciata a tre mesi dallinsediamento nel 2006, quando le opposizioni iniziarono a denunciare lavvio dei tentativi di allargare una maggioranza nata su contraddizioni insanabili, veti incrociati, interessi, ambizioni e frustrazioni personali. Il fallimento di oggi, politico e non personale, di tutto il centro sinistra e non soltanto di FILARETO, lesatta conseguenza del papocchio ipocrita e clientelare nato nella campagna elettorale del 2006: tutti insieme, pur di vincere ma gi sapendo di non poter governare. E cos stato, senza attenuanti o ritardate prese di posizioni: tutti, nella Giunta, hanno avuto le mani in pasta ed hanno fatto quel che volevano, proprio grazie alla concordata e voluta presenza notarile di FILARETO che, come noto, ha preferito accontentarsi di buffet, convegni, fasce e passerelle, lasciando campo libero ad altri. Se, dunque, Rossano oggi alla frutta, le responsabilit, nellex maggioranza, sono condivise. Senza se e senza ma. Su questa involuzione annunciata e, soprattutto, sullesigenza di ridare presto dignit, energie, uomini e capacit al governo di Rossano, il PDL pronto ad assumersi le sue responsabilit come forza di governo di questa Citt. Attorno a quali nomi, con quali alleati e con quale metodo costruire, proporre e mettere in atto lalternativa di governo che i rossanesi ormai invocano senza mezzi termini, il PDL ha le idee chiare, nella consapevolezza che la coerenza, personale e politica, degli uomini e dei partiti, resta la sola discriminante che i rossanesi preferiranno per archiviare definitivamente la pagina pi nera della storia amministrativa e sociale della Citt.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta