TEATRO, RIFIUTI E BORSE STUDIO: STOP ALLARMI

TEATRO, RIFIUTI E BORSE STUDIO: STOP ALLARMI GLI SCOOP-SPAZZATURA INFANGANO CARIATI SI TRAVISA LA NORMALITÀ PER SOLI INTERESSI DI PARTE CARIATI, Giovedì 4 Novembre 2010 – Teatro comunale, raccolta rifiuti e borse di studio, l’Amministrazione Comunale ritiene doveroso smentire, precisare e riportare tutto nell’ambito dei fatti, invitando ad evitare strumentalizzazioni di parte che, nella migliore delle ipotesi, allarmano ingiustificatamente i concittadini, alimentano odio e danneggiano l’immagine, lo ripetiamo, non degli attuali amministratori, ma ad esempio dell’importante struttura cinematografica e teatrale conquistata col contributo di tutti all’oblio e messa a disposizione dei cariatesi e del territorio. TEATRO COMUNALE – Nelle more del già spiegato piano di rientro, in fase di valutazione da parte dell’Enel, era ed è del tutto evidente ed intuibile, salvo ai professionisti dell’odio e dei polveroni mediatici, che l’ente debitore non poteva né può avanzare richieste di fornitura straordinaria, così come avvenuto, ad esempio, su evidente iniziativa degli organizzatori, per la citata e svoltasi festa diocesana della famiglia, ospitata nel teatro cittadino. Ciò premesso, sono stati immediatamente contattati gli organizzatori dell’iniziativa, i quali avevano appunto curato richiesta e pagamento anticipato della fornitura elettrica straordinaria, per ribadire loro la concessione di un contributo comunale di importo pari alle spese anticipate. Purtroppo, si preferisce danneggiare, nell’opinione pubblica territoriale e regionale, l’immagine e la credibilità del Teatro comunale pur di assecondare, interessi e sogni di gloria auto-referenziali. Fondati sul nulla e destinati al nulla. RACCOLTA RIFIUTI – A chi inventa e lamenta presunte catastrofi ecologiche in corso nel territorio cittadino, ricordiamo che ciò che egli vede e travisa è soltanto la conseguenza, normale e prevedibile, di tre giorni di astensione dal lavoro da parte dei dipendenti AXA, falsamente attribuita in un primo momento all’altrettanto inventato mancato pagamento, da parte del Comune, delle spettanze ai lavoratori. Smentita la prima bufala, ora si pretende continuare ad infangare l’immagine di Cariati con una nuova balla, figlia della prima. Siamo al ridicolo. Superato il disagio, la situazione è ritornata alla normalità, per fortuna dei cariatesi e purtroppo per i professionisti degli scoop-spazzatura. PROBLEMA INGOMBRANTI – Accertato un problema nel ritiro dei rifiuti ingombranti da parte dell’AXA, gli uffici comunali competenti hanno immediatamente provveduto a contestare la circostanza alla società affidataria, provvedendo nel contempo ad affidare provvisoriamente lo svolgimento dell’adempimento ad altra impresa. Appare del tutto evidente, salvo ai mestatori che pensano solo alle prossime amministrative ed a quanti, d’ausilio, amano costruire e firmare finte notizie anticipate via web, che il problema noto della liquidità e delle casse comunali, sulle cui cause e concause siamo più volte ritornati con massima trasparenza e senso di responsabilità, si riverbera sull’erogazione di tutti i servizi. Nonostante le difficoltà, tuttavia, ci si sta sforzando di garantire, nei fatti, ogni servizio alla Città. BORSE DI STUDIO – Ribadendo che a tutte le interrogazioni anticipate a mezzo stampa, dopo la doverosa replica anticipata anch’essa via stampa, sarà fornita risposta dettagliata nelle sedi deputate, si precisa che anche su questo aspetto non serve allarmare cittadini e famiglie, essendo prevista a breve, senza alcun rischio derivante da presunti abusi o paradossali ipotesi di appropriazioni indebite, la normale corresponsione delle borse agli aventi diritto.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta