Da domani un’aranciata più buona e coltivatori più contenti!

E’ passata ieri alla Camera dei Deputati, all’interno della Legge Comunitaria, il divieto di produrre in Italia bevande che si definiscano aranciata, ma che non contengano almeno un quinto di succo d’arancia. L’iniziativa è stata portata avanti, in questi lunghi anni, con determinazione dalla Coldiretti nazionale. In sostanza, la norma innalza la percentuale di succo di arance nelle aranciate prodotte e commercializzate in Italia, portandola, appunto, dal 12 al 20%. Il provvedimento legislativo, secondo l’associazione nazionale dei coltivatori, aiuterà i produttori di arance e farà consumare più frutta. Il territorio calabrese, in primis la piana di Sibari, potrà avere i suoi giusti ritorni positivi, in termini di commercializzazione della sua esclusiva e qualificata produzione di agrumi.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta