Lettera aperta al Sindaco di Cariati

Gentilissimo Sig. Sindaco, quest’anno attratti dal sole, dal mare e dal clima favorevole, io e la mia famiglia abbiamo deciso di trascorrere le nostre vacanze nel comune di Cariati. Appena arrivati pero’ siamo stati accolti da un panorama e da usi e costumi non degni di un paese pronto e capace di ospitare dei turisti. Ho vissuto parte della mia infanzia qui a Cariati e sono innamorata di questo luogo e quindi sono ancora piu’ arrabbiata. Molti negozianti fanno fatica a rilasciare lo scontrino fiscale, quando poi gentilmente insisti nell’averlo, ti chiedono uno sconto sulla cifra da digitare. So che questo malcostume non è colpa sua, pero’ non ho mai visto controlli da parte di nessuno, cosa che invece ho potuto constatare in altri comuni dove ho soggiornato in questi anni. Non voglio inoltre dilungarmi sui marciapiedi impraticabili a causa delle erbacce e della mancata manutenzione stradale. Ma veniamo al problema piu’ gravoso, la raccolta dei rifiuti. Al nostro arrivo ad accoglierci ho trovato cumuli enormi di rifiuti, aria irrespirabile; mi chiedo come sia possibile tutto cio’. Chiedo nei negozi il calendario della raccolta differenziata o dove posso trovare i cassonetti atti a cio’, mi guardano come se fossi un marziano appena sbarcato e mi ridono in faccia dicendomi “…che vuoi fare, siamo a Cariati!”non credo alle mie orecchie! I miei figli sono sconcertati perché quando aiutano a sparecchiare guardano con titubanza il sacco nero in cui devono buttare tutto: vetro, carta,plastica…. Noi a Milano siamo abituati ad avere in casa piu’ contenitori, addirittura quello dei rifiuti organici. Ai bambini viene insegnato nelle scuole che il loro futuro e quindi il futuro di questo pianeta dipende anche da questa attenzione. Mi chiedo come potete educare le future generazione se i rifiuti giacciono giorni e giorni in grossi cumuli sulle strade, sul lungomare e sulle spiagge. Ho visto che molti gettano i loro personali rifiuti sulla spiaggia e non nei cestini. Questa maleducazione non è colpa sua, ma il controllo si. Forse lei in questo periodo è in vacanza in altri luoghi e certamente non puo’ vedere di persona lo stato penoso in cui versa il suo comune, ma qualche suo collaboratore si sarà reso conto del panorama sopra descritto, per esempio che il giorno dopo la sagra nel centro storico nessuno si è preoccupato di pulire in tempo utile ossia prima del sorgere del sole. A mio parere tutto cio’ è una vergogna! Ci vantiamo sui social network di avere uno dei piu’ bei centri storici d’Italia, e sicuramente è vero, di avere lunghe spiagge e mare limpido. Ma che immagine date ai turisti o a coloro che tornano a casa nel loro paese di origine ogni estate? Confido in una presa di coscienza di tutta l’amministrazione e anche dei cittadini che passano indifferenti vicino a queste discariche a cielo aperto e nella celere risoluzione di tutti i problemi elencati. Cordiali saluti Dott.ssa Maria Grazia Parise

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta