CULTURA, CALIGIURI A LOCRI: RECUPERARE LA STORIA E L’IDENTITA’

“Com’e’ noto, la storia viene scritta dai vincitori. E senza alcuna forma di nostalgia, va registrato che esiste una storia sconosciuta, a volte negata, altre ancora proibita. Appunto per questo il recupero dell’identità diventa un dovere civile per comprendere quello che e’ stato per costruire con consapevolezza il futuro”. Con queste parole l’Assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri e’ intervenuto questa mattina a Locri al Palazzo di Citta’ dove c’e’ stata la cerimonia di consegna del busto bronzeo di Ferdinando II di Borbone da parte del Sindaco di Locri Giovanni Calabrese al Sindaco di Mongiana Bruno Iorfida. Realizzata nelle fabbriche siderurgiche di Mongiana nella prima metà dell’Ottocento, l’opera, rinveniente da Gerace, e’ stata casualmente ritrovata nel 2005 presso i magazzini del Comune di Locri e poi, dopo essere stata restaurata, e’ stata collocata nel Palazzo Municipale. Da oggi pomeriggio, il busto verrà esposto per sei mesi presso il Museo delle Reali ferriere borboniche di Mongiana, inaugurato nell’ottobre scorso dopo 38 anni di lavori. Il Sindaco Giovanni Calabrese ha dichiarato che “le amministrazioni locali calabresi collaborano nel segno della cultura, condividendo e valorizzando il comune patrimonio storico e civile”, mentre il Sindaco Bruno Iorfida ha fatto presente che negli ultimi mesi e’ crescente il numero dei visitatori del Museo di Mongiana. L’Assessore Caligiuri nei mesi scorsi ha invitato le scuole calabresi a effettuare viaggi di istruzione nella regione, cominciando col proporre l’itinerario produttivo della filiera del ferro nelle Serre, dove, oltre a Mongiana, ci sono le testimonianze di Stilo, Pazzano e Bivongi, oltre alla presenza di musei significativi (come quello dei marmi di Soriano e quello della Certosa di Serra San Bruno) e di beni culturali di valore (tra i tanti, la Cattolica di Stilo e San Giovanni Theristis a Bivongi).

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta