Unione Giuristi Cattolici – Rossano – COMUNICATO STAMPA

:::::::::::::::: La giustizia come sinonimo di strumento di pace, di mezzo per gettare le basi di una reale, pacifica e corretta convivenza sociale. E’ questo, oggi, il vero significato e valore da attribuire alla giustizia, secondo una visione che ritiene obsoleto il diritto internazionale, in favore del “diritto globale” che può essere un utile strumento per comprendere e soddisfare le esigenze e i diritti dei cittadini. Queste in sintesi le conclusioni della “Lectio Magistralis” del prof. Francesco D’Agostino, Ordinario di Filosofia del Diritto presso l’Università Tor Vergata di Roma, nonché Presidnete centrale del’Ugci, che ha tenuto nell’ambito dell’appuntamento organizzato dalla sezione di Rossano dell’Ugci , in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Rossano, sul tema “Giustizia oggi”.Un appuntamento che ha anche segnato la prima visita ufficiale di S. E. l’Arcivescovo di Rossano, al Tribunale di Rossano, salutato sia dal Presidente Giuseppe D’alitto che dal Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Rossano Serafino Trento. Entrambi, oltre a rivolgere i saluti ai presenti e agli ospiti, si sono soffermati sulle emergenze che affliggono ormai da tempo il “paese giustizia”. Carenza di personale, di giudici, ma anche lentezza dei processi. In apertura dei lavori, il Presidente dell’Ugci di Rossano, avvocato Michele Marincolo, che ha coordinato i lavori, ha rivolto il saluti ai presenti leggendo proprio un passaggio della lettera pastorale di S. E. mons. Marcianò. Quest’ultimo, partendo dalla visione della Chiesa in materia di giustizia, si è soffermato sulla riflessione di quale giustizia sia possibile, oggi, in un contesto sociale così individualizzato e quale risposta possono dare i credenti sinceramente preoccupati del bene comune. E rivolgendosi ai giuristi cattolici, ma anche ai battezzati e laici della Chiesa li ha esortati a “riconoscere l’altro come persona”. “Questo è il primo passo che può condurci verso la giustizia, ma è anche l’ultimo passo di una giustizia che si trasforma in amore, quell’amore sul quale, alla fine, tutti saremo giudicati dalla misericordiosa giustizia di Dio”. In occasione della Lectio Magistralis, si è anche tenuta la cerimonia di conferimento della nomina di socio onorario dell’Ugci di Rossano al prof Giampiero Calabrò Ordinario di Filosofia del Diritto presso l’Università della Calabria e al dott. Antonio Madeo, Presidente Onorario del Tribunale di Cosenza, le cui figure sono state presentate dal vice presidente dell’Ugci di Rossano avv. Giuseppe Tagliaferro e dalla segretaria dell’Ugci di Rossano avv. Adele Ambrosio.“Per aver, per primo, sollecitato la costituzione dell’Unione Locale di Rossano e per aver contribuito, generosamente, all’attività dell’Associazione con la forte levatura culturale di docente, in uno spirito di vissuta testimonianza laica dei valori cristiani ed umani”, sono le parole scelte per la motivazione della nomina conferita al prof. Calabrò. Questa invece la motivazione scelta per la figura del dott. Antonio Madeo: “Per le qualità, sempre dimostrate, nell’adempiere le diverse funzioni del suo alto Magistero, svolte con la cultura del giusto e con elevato spessore umano, in difesa del principio di legalità e nel rispetto dei valori cristiani ed etici.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta