TASSA SOGGIORNO, ESCLUSI BAR E PIZZERIE LE PRECISAZIONI DEL SINDACO DONNICI RICETTIVITÀ, L’IMPOSTA INTERESSA SOLO L’OSPITE

TASSA SOGGIORNO, ESCLUSI BAR E PIZZERIE LE PRECISAZIONI DEL SINDACO DONNICI RICETTIVITÀ, L’IMPOSTA INTERESSA SOLO L’OSPITE MANDATORICCIO (CS), sabato, 1 luglio 2011 – La tassa di soggiorno non riguarda i locali che somministrano alimenti e bevande, ma solo le strutture ricettive. A pagare l’imposta, così come previsto dalla normativa, sarà l’ospite e non i titolari di alberghi, hotel, pensioni, B&B e campeggi. Il tutto in base ai periodi di alta o bassa stagione o in base alla categoria della struttura scelta. È quanto precisa il Sindaco della Città di Mandatoriccio, Avv. Angelo DONNICI, rispetto al regolamento adottato, nei giorni scorsi, dal Consiglio Comunale. Dal 1 luglio al 30 settembre, quella che può considerarsi alta stagione, sarà di 3 euro l’imposta per gli ospiti che soggiorneranno a Mandatoriccio, nelle strutture alberghiere di quattro e cinque stelle. 2 euro, invece, è la tariffa che interesserà quelle fino a tre stelle, i B&B ed i campeggi. Nel restanti mesi dell’anno la tariffa generale sarà di 1 euro, indistintamente, per tutte le categorie. L’istituzione della tassa di soggiorno, adottata dalla maggior parte dei comuni del basso jonio cosentino, rappresenterà un’entrata utile, visti i tagli dovuti anche al federalismo fiscale, a migliorare complessivamente i servizi del settore turismo.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta