SERO REPLICA AI “FALSI SALVATORI DELLA PATRIA”

SERO REPLICA AI “FALSI SALVATORI DELLA PATRIA” DEBITI ALTRUI RICONOSCIUTI SOLO DA NOI STIAMO RISANANDO LE FINANZE DELL’ENTE Cariati, Martedì 12 Ottobre 2010 – Manifesto dell’Opposizione sui crediti avanzati dal Comune. La replica del Sindaco: non vi sono condizioni di insolvenza; l’Esecutivo ha sempre riconosciuto, iscritto e messo in pagamento i debiti fuori bilancio. Al contrario delle precedenti amministrazioni. DICHIARAZIONE DEL SINDACO AVV. FILIPPO SERO «Non vi sono condizioni di insolvenza tant’è che l’ufficio finanziario comunale sta predisponendo l’assestamento di bilancio potendo contare su più di un Milione di Euro di avanzo di Amministrazione con il quale, una volta sottratti i residui attivi dovuti a crediti difficilmente esigibili (operazione di risanamento che solo questa Amministrazione pone in essere), si potrà procedere al rimpinguamento dei capitoli carenti e potranno trovare copertura finanziaria eventuali debiti fuori bilancio. Per la verità coloro che hanno nascosto i debiti sono stati proprio i “falsi salvatori della patria”, sottoscrittori di questo manifesto. L’attuale Amministrazione Comunale ha dovuto sin dal proprio insediamento iniziare un percorso di riconoscimento dei debiti. Lo ripetiamo: i debiti fuori bilancio, questa Amministrazione, li riconosce, li iscrive e li mette in pagamento, conformando la propria azione amministrativa ai dettati della legge ed ispirandosi ai principi di trasparenza. Si precisa, quindi, che i debiti fuori bilancio prodotti con la passata Amministrazione di cui facevano parte questi signori, per centinaia di migliaia di euro sono stati riconosciuti e pagati solo dall’attuale Amministrazione. Si tratta di un processo di risanamento che probabilmente non è ancora concluso e che questo esecutivo intende comunque portare avanti. Ciascun creditore, così come è sempre accaduto con la nostra gestione, è libero di avanzare le eventuali pretese, che verranno puntualmente verificate e, laddove si dovesse constatare il fondamento delle stesse, si procederà al riconoscimento degli eventuali debiti e, secondo la legge, alla conseguente copertura finanziaria. La verità è che si registra un momento di criticità nel rapporto con la società affidataria della riscossione che produce una accentuazione della crisi di liquidità delle casse comunali. Ci stiamo confrontando con la stessa società concessionaria per superare questo momento di crisi nei più brevi tempi possibili. Rimane l’impegno di questa Giunta a mettere in atto ogni azione ed iniziativa per perseguire i “grandi evasori“ e consentire così un recupero concreto di competenza e di liquidità per le casse comunali. Nessuna proposta concreta è arrivata dall’apposizione se non la strumentale idea dell’istituzione di una non meglio precisata commissione che non si vede quale ruolo dovrebbe svolgere visto che la questione è puramente gestionale e va ovviamente affrontata dalla competente area comunale. Quanto alla crisi economica appare a tutti evidente, pur nelle difficoltà oggettive, l’azione di questo Esecutivo che ha condotto ad un incremento delle attività turistiche e ad un aumento dei posti di lavoro in tutti i settori dei servizi comunali. – Ritardo nei pagamenti degli stipendi. Quest’ultimo, è derivato dai problemi di cassa che subiamo dalla particolare contingenza del rapporto con la società di riscossione. – Per quanto riguarda, infine, la Corte dei Conti, a partire dal 2006 è stato avviato un controllo collaborativo nei confronti di tutti gli enti, compreso il comune di Cariati. A differenza di quanto si vorrebbe far credere non si registra nessuna particolare “attenzione” della Corte dei Conti sul bilancio del comune. Si respingono, dunque, le illazioni dei sottoscrittori di quel manifesto. Forti della nostra buona coscienza di amministratori al momento opportuno ci rimetteremo al giudizio degli elettor.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta