Pugliese: «Esprimo il mio sdegno per le cifre impegnate dall’Anas per la S.S. 106».

Apprendo notizia che l’Anas pubblicherà oggi 4 giugno, sulla Gazzetta Ufficiale, tre bandi di gara per lavori sulla strada statale 106 “Jonica”, nelle province di Crotone, Cosenza e Catanzaro, per un importo complessivo di oltre 12 milioni di euro e che il primo bando di gara riguarda gli interventi di razionalizzazione della viabilità lungo la strada statale 106 “Jonica”, in corrispondenza dei ponti sui torrenti “Ponzo”, “Voda’”, “Munita”, “Gallipari” e “Alaco” (l’importo complessivo dell’appalto è di oltre 3,2 milioni di euro), mentre il secondo e il terzo bando riguarderanno, invece, i lavori di messa in sicurezza della strada statale 106 “Jonica”, nel tratto compreso tra il km 219,000 e il km 278,000, compresi gli svincoli di “Cutro”, ” Le Castella”, “Crotone”, “Torre Melissa”, “Ciro’”, “Ciro’ Marina”, “Crucoli”, “Cariati”, “Mandatoriccio”, “Scala Coeli”, “Mirto Crosia”, “Rossano” e “Crotone Aeroporto, e rettifiche di tracciato tra i km 230,231 e 240,241 (l’importo complessivo dell’appalto che è di oltre 5 milioni di euro per la seconda gara e di 4,2 milioni per la terza). Premesso che da sempre sono fortemente contrario agli interventi a pioggia poiché ritengo che siano solo un incredibile (spesso inutile), sperpero di denaro pubblico intendo esprimere tutta la mia personale contrarietà rispetto ad uno Stato e di una classe politica incapace di determinarsi affinché siano reperiti i finanziamenti opportuni per l’ammodernamento della tristemente nota “strada della morte”. A tal proposito, inoltre, intendo ricordare l’offesa arrecata alla memoria delle migliaia di vittime della strada Statale 106 ionica da parte di uno Stato che investe 12 milioni di euro (una miseria!!!), su un’arteria viaria prioritaria per la Calabria. Sappiamo, infatti, che occorrono diversi svariati milioni di euro (circa 50), per realizzare un solo chilometro di nuova S.S. 106. Così come ribadisco che è ancora più offensivo, soprattutto nei confronti delle Famiglie delle moltissime vittime della “strada della morte”, che lo stesso Stato che investe una cifra ridicola sulla S.S. 106 è poi lo stesso che attraverso la Commissione per la valutazione di Impatto Ambientale (VIA) del Ministero dell’Ambiente ha sospeso i lavori di ammodernamento della S.S. 106 tra Sibari e Roseto: 38 chilometri per un importo pari a oltre 1,2 Miliardi di euro! Tutto ciò è avvilente, sconcertante e non può che ricevere tutto il mio sdegno! Fabio Pugliese

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta